Asta di Sotheby’s – 5,5 milioni di dollari per il Pearl Carpet of Baroda

La casa d’aste di Sotheby’s la scorsa settimana ha annunciato la vendita del Pearl Carpet of Baroda, che costituisce il punto focale dell’arte islamica per un costo di 5,5 milioni di dollari.

Il tappeto è un capolavoro del tempo, con una superficie creata utilizzando perle di Basra, il suo design è raccolto in perline di vetro colorato, riccamente incastonato con un set di diamanti oro e pietre preziose.

Testi della letteratura dicono che il tappeto fa parte di una serie di tappeti che consiste in quattro pezzi di forma rettangolare ed uno circolare.

Peugeot – all’asta circa 450 modelli

Dal 14 giugno prossimo, il Museo de l’aventure Peugeot delizierà tutti gli amanti delle belle auto. Nella città di Sochaux si svolgerà una vendita all’asta di quasi sessant’anni di storia sui 450 medelli che la casa automobilistica dispone.

Loic Henouil, direttore del Museo ha così dichiarato:

Di questi veicoli abbiamo solamente due o tre esemplari, a volte anche di più! I fondi raccolti ci aiuteranno ad arricchire il nostro patrimonio.

Asta Giurassica a New York – la crisi si è fatta sentire!

Sabato 21 marzo a New York si è svolta un’asta molto particolare dove sono stati messi in vendita circa 300 lotti di scheletri di dinosauro e altri reperti fossili presso la galleria I.M.Chait, compreso lo scheletro di dinosauro Dryosaurus lungo 2 metri e 75 centimetri di 150 milioni di anni fa.

In tutto il mondo ci cono solamente due scheletri di questo piccolo dinosauro erbivoro del periodo giurassico, la proposta è stata poco meno di 300mila dollari e trovargli un acquirente non è stato facile nonostante l’interesse espresso da numerosi musei, che però, non sono stati in grado di procurarsi i fondi necessari per la vendita.

Elvis Presley – messi all’asta su internet, alcuni dei suoi oggetti

Il Rock and Roll si sa, non muore mai e con lui nemmeno The King Elvis Presley, che fino al 25 marzo sarà al centro dell’attenzione sul sito Internet Gotta Have Rock and Roll, che ha organizzato una vendita all’asta dei suoi oggetti.

Questa asta sembra essere una vera manna dal cielo per tutti gli appassionati e collezionisti del Re del rock and roll, e ce né per tutti i gusti, dalla cartolina postale con l’effige del rocker a partire da 10 dollari, ad una giacca di pelle che amava indossare a partire da 8mila dollari.

Asta arredamento Villa Fontanelle di Gianni Versace

Mercoledì 18, si è tenuta al Sotheby’s di Londra, l’asta in cui sono stati messi in vendita gli arredi della Villa Fontanelle sita a Como, l’abitazione che era una volta del grande stilista Gianni Versace, morto nel 1997 dopo essere stato assassinato a Miami.

La vendita di 550 lotti di Versace è stata un gran successo, riuscendo a totalizzare 7,9 milioni di euro.

Nella parte del loft ci sono due biblioteche tutte in legno di ciliegio ognuna in una camera da letto alla moda, ed sono state vendute rispettivamente 510.000 mila euro e l’altra 637.000 euro, più di quattro volte la loro stima iniziale.

Fumetto di Superman del 1938 venduto all’asta a 317.200 dollari

Una copia della prima edizione dell’Action Comics, dove in primo piano vi è il debutto di Superman è stato acquistato alla somma record di 317.200 dollari.

Il Artdaily ha riportato che, il batterista dei System of a Down, John Dolmayan, proprietario di Torpedo Comics, è il compratore di questo fumetto ed è orgoglioso di averlo acquistato, poiché è un cimelio del 1938 ed in più, è un grande amante dei fumetti.

Il fumetto, al momento del suo lancio costava solamente 10 centesimi, ma l’enorme successo di Superman come icona culturale americana, da film a libri, da fumetti ad accessori ha fatto salire considerevolmente il costo.

Massachusetts, in vendita un’isolotto a Boston.

Siamo nel Massachusetts, nella città di Boston, e precisamente nell’isolotto privato Codman Point, nella parte superiore della Bazards Bay. Il fatto fa notizia in quanto è la prima volta, dopo 137 anni, che questo “pezzo di terra” viene messo sul mercato.

La famiglia Codman acquistò il terreno nel lontano 1872 per la “ridicola”, ad oggi, cifra di 800 dollari americani. L’attuale prezzo è di 7,7 milioni di dollari. Possiamo affermare che i Codman potranno ricavare un “discreto” guadagno.

La Fondazione Vasarely ha fatto una buona Asta – le opere del fondatore vendute il doppio della stime iniziali

L’asta per la riabilitazione della Fondazione Vasarely (di cui avevamo parlato in un post precedente), che si è tenuta presso l’Hotel Drouot a Parigi ha avuto un buon riscontro.

Secondo le stime effettuate prima della vendita, i 150 lotti firmati Victor Vasarely, grande maestro dell’arte optical, avrebbe consentito la raccolta massima di 150 mila euro, ma così non è stato.

La vendita di sabato 7 marzo non ha raccolto 150 mila euro, ma il doppio delle stime 305,581 mila euro, per un importo di gran lunga superiore.

Bottiglia d’acqua in vendita a 16 mila euro – i fondi andranno a finanziare i pozzi d’acqua in Africa

Tra le cose più strane che potessi trovare in giro per il web, ho trovato questa notizia: la vendita di una bottiglia d’acqua a 16 mila euro. Quali ragioni ci possono essere, per vendere o acquistare una bottiglia a questo prezzo?

Il primo motivo è quello di mettere in evidenzia la rarità e la preziosità di un bene essenziale per la vita, la quale carenza è la principale fonte di morte nel mondo, mentre il secondo motivo è quello di contribuire a finanziare la costruzione di pozzi d’acqua in Africa.

L’acqua che vende acqua in bottiglia è un’assurdità. Esperti di sviluppo sostenibile dicono che vendere l’acqua in bottiglie da 1,5 litri è uno spreco, ed il riciclaggio delle bottiglie avviene nel 10 % dei casi.

Fodazione Vasarely in grave difficoltà finanziarie

Da qualche anno, la fondazione Vasarely, installata nel 1975 nella città di Aix en Provence, ha bisogno di un lifting, una restyling completo. Creata da Victor Vasarely, la fondazione è volta a promuovere ed integrare arte ed architettura.

Fino ad ora, la fondazione ha 42 opere delle 1300 originarie e le 18000 serigrafie che aveva sono state tutte vendute. Proprio a questo scopo, oggi 7 marzo, Vasarely farò una vendita d’asta a Drouot a Parigi, in modo da risollevare le sorti della fondazione in grande difficoltà finanziarie.

All’asta i preziosi oggetti di Michael Jackson

Sono circa duemila gli oggetti che il cantante Michael Jackson è costretto a vendere e che saranno messi all’asta dal 21 al 25 aprile al Beverly Hilton Hotel di Los Angeles. Infatti, la popstar, che in carriera vanta oltre settecentocinquantamilioni di dischi venduti, è incredibilmente finito in bolletta a causa di alcune disavventure giudiziarie e investimenti fallimentari.

Oltre alla vendita all’asta dei suoi beni, per saldare parte dei debiti accumulati, Jackson ha in progetto di tenere una serie di trenta concerti a Londra che gli frutterebbero due milioni di euro l’uno. Vediamo alcuni dei lussuosi oggetti di cui Michael è costretto a disfarsi.

All’asta i fumetti di Hergè presso ArtCurial

Il 14 marzo, presso la casa d’aste ArtCurial verranno messi all’asta le opere di Hergè. Si prevede che questo anno, le sorprese saranno innumerevoli, come il progetto originale del 1942 Chele di granchio in oro (Crabe aux pinces d’or), stimato tra i 350.000 ai 450.000 euro.

Le illustrazioni furono realizzate con la matita ad inchiostro di china, ancora oggi utilizzato, e l’edizione dell’opere chele di granchio in oro realizzato in bianco e nero, sarà messo all’asta.

In vendita gli occhiali da sole, i sandali e l’orologio di Mahatma Gandhi

La casa d’aste Antiquorum Aunctioneers a new York, metterà in vendita alcuni accessori indossati dal Mahatma Gandhi. I pezzi messi all’asta saranno i sandali in cuoio nero che risalgono al periodo che va dal 1910 al 1915, gli occhiali da sole e l’orologio (Gandhi odiava essere in ritardo).

Il nome dei proprietari di questi oggetti ancora non ci è dato di saperlo, quel poco che si sa, è che l’orologio e di marca Zenith ed è stato offerto da Abha Gandhi, sua nipote e assistente per circa sei anni.

Discorsi di Abraham Lincoln venduti dalla casa d’aste Christie’s a 3,44 milioni di dollari

All’asta è stato raggiunto un nuovo record, lo scorso giovedì, la casa d’aste Christie’s ha organizzato, per il bicentenario della nascita di Abraham Lincoln, una vendita dei suoi discorsi che risale al 1864.

Il manoscritto è stato venduto al prezzo di 3,44 milioni di dollari, molto di più rispetto alla casa d’aste Sotheby’s, che lo scorso anno, ha venduto la carta di Lincoln a 3,40 milioni di dollari.