Manolo Blahnik: tutte pazze per le sue scarpe

di Benedetta Guerra 1

Nessuno è in grado di dirgli di no, nessuno è in grado di resistere a questa progettistica di scarpe fuori dal comune. Di chi stiamo parlando? Del fantastico, superlativo, eccentrico Manolo Blahnik. Manolo nasce nel 1943 nelle Isole Canarie ed ha trascorso la sua infanzia disegnando scarpe su fogli e con molti gatti in casa.

Dopo aver studiato Arte e lingue a Givnevra, si trasferisce a Parigi nel 1968, dove intende diventare capo progettista. Durante un viaggio a New York, nel 1970, Paloma Picasso lo presenta a Diana Vreeland, poi al redattore di Vogue America, convincendoli che il suo talento consiste nel creare scarpe. Dopo un anno, a Londra, ha iniziato a disegnare scarpe per Ossie Clark.

Ecco le testuali parole di Blahnik:

Le mie scarpe hanno qualcosa che le altre scarpe non hanno: la personalità.

Questo può spiegare come il suo lavoro esercita un tale potere su tutte le donne, e dopo oltre 25 anni di carriera è diventato il creatore di scarpe più famoso al mondo. Oggi i magazzini e negozi lussuosi, da New York a Hong Kong, da Parigi alle Filippine, il lusso di Manolo sta entrando prepotentemente nella nostra vita.

Blahnik integra tutti i suoi modelli a mano e soddisfa, qui nel bel paese, gli ordini di quattro stabilimenti. Questo uomo è il re delle scarpe, colui che le fa parlare e che le anima; l’unico a tenere il segreto di una scollatura su di una shoes che oltretutto, rende il piede di chi la indossa supersexy e riesce a far stare tranquillamente una donna su tacchi di 20 cm.

Insomma, le sue creazioni le abbiamo viste a Sex and the city film, su Sarah Jessica Parker, nonché su Carrie Bradshaw, eroina e fashion victime di Sex and the city serie tv. Chi ama le belle scarpe ed il lusso sfrenato e fantasioso, Manolo Blahnik non può che essere il protagonista indiscusso delle calzature!

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.