Si è conclusa da pochi giorni il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, come dal 1950 che si tiene la terza domenica d’agosto per quella che è una carrellata trasversale delle più belle auto di tutti i tempi, d’epoca ma anche di ultima generazione.

La rassegna tenutasi nella piccola cittadina della California e famosa anche per il suo bellissimo campo da golf, ha dato ottimi spunti in quanto a presentazione di nuove vetture.

Ed è stata proprio la 18ma buca del Pebble Beach Golf Link a fare da lacation per il settore d’auto d’epoca dove l’Alfa Romeo, quest’anno al suo centenario, è stata ospite d’onore della manifesta. Un buon biglietto da visita per Alfa Romeo che si appresta, non si è capito ancora quando, ad entrare nel mercato americando sfidando i blasoni nazionali Chrysler e Bentley.

Dal Museo Storico Alfa Romeo di Arese sono giunti al salone di Pebble Beach 6 modelli storici, quali l’Alfa 24 HP del 1910, la spider Disco Volante del 1952, la RL Targa Florio, la Gran Premio Tipo A, l’Alfetta Gran Premio Tipo 158 del 1938, l’Alfa 8C 2900 B Lungo del 1938.

Se da un lato le auto d’epoca hanno quel fascino di modelli irripetibili e di imprese sportive memorabili dall’altra la curiosità di sapere quali saranno le prossime auto di lusso pronte a fare vento fresco ci mostra una delle auto più belle mai prodotte e soprattutto più potenti: La novità più attesa è stata quella di scoprire la Ferrari 599 GTB Roadster, variante cabriolet del modello coupé, con cui condivide il motore 6.0 V12 che però eroga 25 CV di potenza in più, per un totalr di 540 CV.

Tra le altre novità anche la Lotus 125, erede definitiva della 340R e della 2-Eleven che condividerà la strada alla pista del gran turismo.

Scoperte anche la nuova Aston Martin V8 Vantage N420, la Bugatti Veyron 16,4 Super Sport e la McLaren MP4-12C.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.