Maserati per la Fontana del Nettuno a Bologna

di Sara Mostaccio Commenta

La casa automobilistica del tridente non poteva che firmare il restauro della Fontana del Nettuno a Bologna: Maserati ne finanzia il recupero.

Non è il primo grande marchio internazionale che si prende cura dell’arte italiana, già Fendi ha partecipato al restauro della Fontana di Trevi, Tod’s ha contribuito al recupero del Colosseo, Bulgari al ripristino della scalinata di Trinità dei Monti. Oggi tocca a Maserati che si occuperà della Fontana del Nettuno a Bologna.

Il celebre monumento, simbolo stesso della città insieme alla torre degli Asinelli, ha bisogno di un intervento di restauro che ne preservi la bellezza e a finanziarne i costi sarà proprio la casa automobilistica di lusso.

Supportare economicamente il recupero di grande opere del nostro patrimonio storico artistico è una prassi che coinvolge sempre più spesso molti grandi nomi internazionali, pur suscitando non poche polemiche per l’ingerenza della inevitabile pubblicità nell’ambito dei beni culturali che dovrebbero rimanere al di sopra da logiche commerciali. La ricaduta pubblicitaria è indubbia ma lo è anche la necessità di intervento per cui spesso mancano i fondi pubblici.

Maserati ha dunque annunciato la sua partecipazione al restauro della fontana simbolo della città. E non per caso visto che il logo della maison automobilistica è proprio un tridente, lo stesso che impugna il possente Nettuno, dio del mare.

Lo stemma di Maserati risale al 1924, anno della fondazione dell’azienda. Lo disegnò Mario Maserati, artista e fratello del fondatore Alfieri che si ispirò proprio al tridente della Fontana del Nettuno di Bologna.

Il restauro coinvolgerà le migliori maestranze del settore con largo spazio ai giovani. Parteciperanno infatti squadre di studenti e dottorandi di svariati atenei italiani che metteranno a disposizione le proprie competenze e avranno l’opportunità di mettere a frutto i propri studi con un’esperienza d’eccezione. Il tutto avverrà con la supervisione dell’Istituto Superiore per la Conservazione ed il Restauro di Roma.

Photo | Thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.