Fendi firma il restauro della Fontana di Trevi a Roma

di Sara Mostaccio Commenta

È stato ultimato da pochissimi giorni il restauro della Fontana di Trevi a Roma che Fendi ha contribuito a finanziare con un grande cantiere. I lavori hanno coinvolto la Sovrintendenza della città e ben 3 ditte italiane che si sono occupate concretamente del restauro della splendida opera d’arte capitolina.

L’annuncio arriva a pochi giorni da un’altra inaugurazione, quella della sede di casa Fendi che si è trasferita di recente al Palazzo della Civiltà Italiana nel quartiere EUR. Dopo 17 mesi di restauri, dunque, riapre al pubblico la celeberrima fontana monumentale nel cuore della capitale, meta di milioni di turisti e simbolo stesso del viaggio a Roma con la tradizione del lancio della monetina che l’accompagna.

Il periodo di manutenzione è stato più breve del previsto, 17 rispetto ai 20 mesi preventivati, per un costo totale di 2 milioni e 180 mila euro, in aggiunta ai 2 milioni e mezzo che Fendi aveva già donato per il restauro delle Quattro Fontane.

Le ultime impalcature sono state rimosse questa settimana e la grandiosa vasca in marmo e travertino è tornata a splendere come ai tempi della sua costruzione da parte di Nicola Salvi per conto di Papa Clemente XII.

Tre le fasi che hanno caratterizzato questo lungo e accurato restauro: iniziando dalla statua di Oceano e dall’edicola si è passati per i due prospetti laterali fino a concludere sulla scogliere e nella vasca, tutta revisionata e impermeabilizzata.

Per celebrare la riapertura della fontana si è organizzato un vero e proprio taglio del nastro alla presenza di moltissime persone che hanno visto nello splendore ritrovato del monumento un simbolo di rinascita della città stessa. E così le maison di moda diventano madrine dell’arte: lo abbiamo già visto anche con Bulgari e Trinità dei Monti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.