Jaguar E-Type: scultura di Gerry Jodah

di Redazione Commenta

Spread the love

Vi ricordate quando parlammo del ritorno della mitica Jaguar E-type, per celebrare il 50° anniversario di quella che Enzo Ferrari definì l’auto più bella mai costruita? Il ritorno di uno dei modelli eccellenti di design e potenza è stata l’occasione per lo scultore Gerry Jodah di infondere alla sua arte l’essenza della Jaguar E-Type.

Una scultura gigantesca costituita da 10 tubi, il più lungo quasi 28 metri, usati negli oleodotti a forma dell’inconfondibile livrea della XKE. Come mai i tubi degli oleodotti? Sicuramente perchè il capogruppo Tata Motors a cui appartiene Jaguar dal 2008 fa parte dello stesso gruppo della Tata Steel colosso dell’acciaio indiano.

La scultura, che ha impiegato tubi d’acciaio verniciati da 1 200 mm di diametro e 12 millimetri di spessore, ha impegnato Gerry Judah fin da gennaio e ha necessitato ben 4 mesitra progettazione e realizzazione. Uno sforzo che si ripeterà quando a breve la scultura verra trasferita al Moma di New York in esposizione permanete.

Questa scultura infatti è  ospite del Festival of Speed di Goodwood fino a domani quando si chiudera la 3 giorni britannica dedicata alle supercar. La Jaguar sarà presente alla manifestazioneportando in rassegna vetture d’epoca, tra cui anche una E-Type Group 44 da competizione, vetture commerciali e prototipi:  la Jaguar XFR-S e la nuova Jaguar XFR restyling e la concept Jaguar C-X75.

La nuova Jaguar E-Type sarà disponibile solo in versione convertibil nel colore Black Cherry. Novità riguardano la cromatura delle griglie anteriori, delle cornici dei finestrini, degli specchietti esterni e delle prese d’aria laterali. All’interno il lusso e il comfort assumono contorni strepitosi, come i sedili con il logo Jaguar Heritage in rilievo e la possibilità di fornire condizionatori ausiliari per le sedute.

Al Festival of Speed di Goodwood ci sarà anche la Pagani Zonta color rosa (stesso colore della Cadillac di Elvis) che sarà battuta all’asta al miglior offerente. Base d’asta: 400 mila dollari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.