F.I.Co. Eataly World, il Disneyland del cibo arriva in Italia

di loretta martino Commenta

F.I.Co Disneyland del cibo
Il Made in Italy colpisce ancora e questa volta per lusso non si intendono hotel da sogno o viaggi per il mondo ma la classica cucina italiana, perché il food retail italiano ha raggiunto una meta davvero importante: l’apertura di un parco interamente dedicato agli amanti del food. Si chiamerà F.I.Co. Eataly World ed è stato soprannominato come il primo Disneyland del cibo al mondo.

Dopo il grandissimo successo riscosso dalla formula Eataly per la valorizzazione agroalimentare italiana, il patron Oscar Farinetti ha dichiarato che entro il 2016 Bologna ospiterà un parco a tema sui generis con vigne, campi di grano, uliveti, allevamenti, stalle e poi ancora officine di produzione e acquari al posto delle “classiche” giostre. Sarà un’esperienza straordinaria con tanto di percorsi didattici con guide e accompagnatori turistici e irripetibile dato che i prodotti saranno coltivati in loco e nulla potrebbe essere finto o replicato, capace di attirare fino a 6 milioni di visitatori all’anno e creare 5 mila posti di lavoro, ormai anche questo considerato un lusso per pochi.

Da sempre riconosciuta come la terra del buon cibo tra pizza e spaghetti, la Fabbrica Italiana Contadina sarà considerata un vero punto di riferimento per i visitatori stranieri che potranno gustare i piatti tipici italiani nei piccoli ristorantini a tema sparsi per il parco e che vedranno ai fornelli un art director d’eccezione come lo chef pluristellato Massimo Bottura. Il parco si estenderà su una superficie di oltre 80 mila metri quadrati e sfrutterà energia verde grazie al più grande impianto fotovoltaico d’Europa, insomma sarà un vero girone dei golosi dedicato all’agricoltura e all’allevamento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>