Boom di voli di lusso in India

di Sara Mostaccio Commenta

L'India sta conoscendo una rapida crescita nel settore del turismo di lusso e specialmente per ciò che riguarda i voli a lungo raggio in prima classe e business class.

A detenere il primato mondiale quanto a lusso sui propri aerei sono indubbiamente le compagnie degli Emirati Arabi ma l’India sta facendo notevoli passi avanti ricavandosi uno spazio prestigioso tra i cieli internazionali. E gli Emirati ci hanno messo il loro zampino, infatti.

Secondo dati receneti diffusi da Amadeus, leader nella prenotazione online, l’India sta conoscendo una rapida crescita nel segmento dei voli di lusso con un incremento del 12,8% annuo. Questi dati sono relativi ai voli in prima classe e in classe business che sono sempre più richiesti e venduti a caro prezzo.

I dati riguardano soprattutto voli a lungo raggio che toccano città come Singapore o Newark. Proprio di recente Etihad, compagnia araba che copre la maggior parte delle tratte di lusso nel mondo, ha appena istituito un nuovo collegamento deluxe tra Mumbai e New York con un biglietto di sola andata che costa ben 38.000 dollari: è considerato al momento il biglietto aereo più caro del mondo.

Il mercato del lusso indiano dunque vola alto e la metafora è quanto mai appropriata. Non riguarda però solo i voli aerei ma tutto il comparto del turismo di lusso in generale. Alberghi, cene lussuose, spa e persino shopping, particolarmente gioielli e auto, stanno vivendo una crescita esponenziale, fino al 25% l’anno.

Allo stesso tempo nel paese esistono ancora vastissime aree di povertà che stridono più che mai con il lusso scintillante delle mete esotiche sempre più amate dal turismo internazionale. È vero in India come in molti altri paesi che hanno vissuto un boom economico del settore del lusso, con gli Emirati Arabi in testa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.