Mercato del lusso in ripresa: cauto ottimismo

di Giulia Ferri Commenta

La notizia arriva a pochi giorni dalla scomparsa di Nicolas Hayek, Presidente e Amministratore delegato della Swatch Group – nonchè padron della Smart – deceduto all’età di 82 anni in seguito a un attacco cardiaco che gli è stato fatale.

Secondo Credit Suisse, una società di servizi finanziari, con sede a Zurigo e seconda banca svizzera, dopo UBS, è la Swatch insieme a Richemont a rappresentare la locomotiva del settore del lusso per venir fuori dalla crisi economica, che evidentemente fa segnare il passo anche a economie chiuse e solide come la verde Svizzera.

La Credit Suisse ha reso noto l’indagine condotta dai suoi analisti sul market weight, evidenziando un atteggiamento prudente ma comunque rivolto all’ottimismo:

Hanno una maggiore esposizione ai mercati emergenti, i migliori portafogli di marchi del lusso e una forte struttura di bilancio.
Le ultime indicazioni macro e l’aumento del rischio legato ai debiti sovrani rappresentano le ragioni per avere più cautela sul settore rispetto a 2-3 fa.

Alle dichiarazioni della Credit Suisse fanno eco le dichiarazioni del gruppo francese LVMH – Louis Vuitton Moët Hennessy S.A. – La maggiore holding multinazionale specializzata in beni di lusso con sede a Parigi.

La LVMH, che si occupa praticamente di qualsiasi tablla merceologica che ha a che fare con il lusso rileva trend positivi del settore Wine & Spirits e dell’orologie grazie all’espansione sul mercato di Tag Heuer.

Bene ma non benissimo l’andamento di Hermes, Bulgari e Burberry.

Notizie confortanti provenienti dall’andamento delle vendite delle auto di lusso, trainate soprattutto dalle immatricolazioni nei mercati cinesi e americani.

A beneficiarne sono soprattutto le case tedesche che tornano ad assumere personale e ad aumentare i turni di produzione:
Daimer, la casa tedesca tra le pioniere dell’industria automobilistica mondiale, ha recentemente assunto 1 800 lavoratori temporanei e ha esteso al sabato un turno di produzione giornaliero.
Assunzioni in massa anche da parte di Bmw che ha potenziato i turni di produzione con 5000 operai temporanei in più.

Insomma almeno il lusso mostra di dare segni di ripresa.
Speriamo non sia un indice di divario sociale in aumento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.