New York è la città più cara del mondo

di Sara Mostaccio Commenta

New York scala la classifica di Savills e conquista il primo posto scalzando Londra: è la città americana la più cara del mondo.

Londra perde il suo primato, non è più la città più cara del mondo, cede lo scettro a New York. Gli esperti di economia ritengono che sia un effetto della Brexit, ma il fatto resta: Londra ha mantenuto il suo ruolo per due anni e mezzo e adesso è tempo di accettare la dura realtà e lasciare spazio alla metropoli della East Coast americana.

città più cara del mondo

Londra scende al terzo posto nella classifica mentre il primo viene saldamente assunto da New York. Lo dice Savills, potente agenzia immobiliare che valuta costamente il mercato per saggiare domanda e offerta. A quanto pare il costo della vita di un impiegato medio che deve affittare una casa nella città in cui vive per lavoro è sceso a Londra, che resta tuttavia tra le città più care, mentre è salito a New York e a Honk Kong che conquistano rispettivamente primo e secondo gradino del podio.

Un podio non troppo allegro, almeno per chi vive in queste città e deve fare i conti con affitti stellari e un costo della vita sempre più difficile da fronteggiare mentre i salari restano fermi. La spesa annuale media per un affitto a New York viene calcolato in 114 mila dollari, con un incremento del 2% allo scorso Dicembre.

Londra scende di due posizioni in classifica ma non diventa così meno cara visto che il costo annuale per un appartamento si aggira comunque intorno ai 100 mila dollari. Tokyo la segue a ruota al quarto posto con un incremento del costo delle abitazioni addirittura del 22% nell’ultimo periodo. Le altre città in classifica, in ordine di apparizione, sono Parigi, San Francisco, Singapore, Dubai, Sidney e Los Angeles.

Photo | Thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>