Amancio Ortega compra un hotel di lusso a New York

di Sara Mostaccio Commenta

Amancio Ortega ha siglato l'acquisto di uno hotel di lusso nel cuore di New York ma non è l'unica proprietà in città.

È uno degli uomini più ricchi del mondo ed è anche – ragion per cui la sua ricchezza è cresciuta tanto – il celebre padre di Zara, la grande catena spagnola di abbigliamento che insieme a molti altri marchi fa parte del gruppo che dirige. Oggi Amancio Ortega annuncia di aver appena acquistato un hotel di lusso a New York.

L’albergo, in una delle zone più lussuose della Grande Mela, è costato 61 milioni di euro, una cifra non così esosa per un personaggio tanto danaroso ma che a noi sembra stratosferica non essendo avvezzi a simili importi.

L’hotel si trova al civico 70 di Park Avenue in un edificio storico che risale al 1928. L gestione attuale è affidata alla catena Iberostar. Con questo acquisto il magnate spagnolo continua ad ampliare l’impero immobiliare che ha via via costruito. Solo a New York, appoggiandosi all’agenzia immobiliare Pontea Gadea, ha acquistato dal 2006 a oggi ben 4 edifici, escludendo il prestigioso hotel appena acquisito.

Nel 2006 infatti aveva dato avvio alle sue compere newyorchesi con un immobile sulla 59esima strada a Manhattah pagato 107 milioni di dollari. Nello stesso anno aveva acquistato un altro edificio su Madison Avenue per la cifra di 115 milioni di dollari. Dopo qualche anno, nel 2013, la firma sul contratto di acquisto aveva riguardato un immobile al 418 west della 14esima strada. Infine, lo scorso Gennaio, Ortega è diventato proprietario dell’edificio Haughwout a Broadway, costruito nel 1857 e pagato 140 milioni di dollari.

Non si può certo dire che al miliardario manchi un appoggio a New York. Né gli manca in altri stati del mondo visto che le sue proprietà immobiliari si trovano disseminate pressocché ovunque, dalla Spagna a Milano, da Londra a Parigi, fino a Miami.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.