Quella Ferrari parcheggiata nel salotto di casa…

di Giulia Ferri Commenta


Avvolte una Ferrari è una creatura talmente considerata tale che sembra un delitto abbandonarla in garage e non averla davanti agli agli occhi quando si è rintanati in salotto.

E’ quello che ha fatto il designer americano Olger Schubert che ha voluto creare uno spazio nel proprio soggiorno per la sua amatissima Ferrari 512 BBi boxer dell’84.

La notizia mi ha ricordato un pò l’idea ancor più originale di quel signore di Newport Beach che ha “appeso” in salotto la sua Lamborghini Countach in avaria facendola diventare una scultura.

In quel caso la super car troppo costosa da riparare a causa del motore fuso fu riconvertita in opera d’arte utilizzando la carrozzeria come fosse un quadro e il motore come tavolino da salotto.

Ma il garage-living room di Olger Schubert è stato addirittura premiato dalla prestigiosa rivista americana Architectural Digest come il più bel garage d’America.

La vicenda è rimbalzata agli onori della cronaca interessando il Los Angeles Time e la protesta vivace dei coinquilini del designer americano che non tollerano la rampa appositivamente realizzata per portare la ferrari dalla strada direttamente al secondo piano.

A complicare la storia sostenuta da William Burnside che presiede il comitato costituito contro il presunto abuso edilizio che dichiara:

Schubert fece abbattere il garage che aveva a sua disposizione al pianterreno per potere andare a dormire e svegliarsi con la sua Ferrari

C’è la risposta controversa di Olger Schubert che dopo aver speso circa un milione e mezzo di dollari e dopo aver ottenuto le autorizzazioni necessarie si è visto dar contro il distretto municipale di los Angel, che ha accolto l’istanza dei cittadini e ha ordinato lo smantellamento del saliscendi.

in attesa di sapere chi spunterà il contenzioso ci godiamo le immagini di questa fiammante Ferrari del 1984 lussuosamente parcheggiata nel salotto dell’appartamento che si affaccia sulla tigertail del quartiere di Brentwood.

Welcome to the Hotel California
Such a lovely place

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.