Fabergé, dopo le uova lancia una linea di cocktail ring

di loretta martino Commenta

 La storia racconta che, ideate per la prima volta nel lontano 1885 presso la corte dello zar di Russia Alessandro III in occasione della Pasqua, le uova di Fabergé conquistarono in poco tempo non solo il cuore della zarina a cui furono regalate ma anche l’attenzione di tutto il mondo grazie all’alta professionalità e ai pregiati materiali con cui erano realizzate. Oggi Fabergé continua ad incantare e diventa sinonimo non più solo delle preziosissime uova ma anche dell’alta gioielleria con la nuova linea Emotion.

Si chiamano cocktail ring e sono anelli preziosi ognuno dei quali conta oltre trecento pietre preziose dal colore cangiante e capaci di ammaliare grazie alla luce abbagliante che emanano. I diamanti bianchi si mescolano con assoluta disinvoltura agli smeraldi, i rubini rossi spiccano per la loro vitalità, gli zaffiri azzurri e arancioni tempestano gli anelli facendo spazio agli tsavoriti, gemme di assoluta rarità ma di grande fascino. Ce n’è per tutti i gusti, dalle inguaribili romantiche con l’anello nella nuance rosa alle più eccentriche con il pavé multicolor.

Fabergè irrompe nel mondo del lusso con una collezione che si ispira alle opere degli artisti appartenenti al Fauvismo, la corrente artistica diffusasi nell’Ottocento, che vedeva il colore al centro della forma d’arte con accostamenti audaci ed evocati dalle emozioni. Il nome cocktail ring, poi, non è lasciato al caso dato che l’uso dell’anello da cocktail è una moda che arriva dagli Stati Uniti negli anni 50 quando le signore si divertivano e vantavano indossando, rigorosamente all’anulare destro e tassativament tra le 17 e le 19:30, anelli colorati e di gran fascino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.