Davide Zylbert: Zydo Italia alla conquista del mondo.

Spread the love

Una carriera brillante. Ben si addice a chi ha dedicato una vita ai diamanti, ereditandone la passione dal padre e trasmettendola ai propri figli. Una passione intrapresa nel 1966 nel laboratorio di famiglia e concretizzata sei anni dopo con la fondazione di quella che oggi è una delle aziende italiane leader del settore: La Zydo; una griffe di gioielli presente nelle boutique di tutto il mondo e costantemente proiettata verso l’espansione dei nuovi mercati, soprattutto asiatici.

Ma la storia di Davide Zybert, fondatore e attuale presidente del marchio, parte da molto lontano.

Debuttando come brillantaio e affermandosi tra i maggiori fornitori di pietre preziose per l’industria orafa di Valenza.

Nel 1982 la svolta: forte dell’esperienza acquisita nei laboratori valenzani, la Zydo inizia a produrre una linea propria di gioielli, destinata a brillare nelle scintillanti vetrine delle gioiellerie di tutto il mondo.


Un impresa bissata dai successi, che ha trovato nuova linfa vitale con l’ingresso nel 2001 dei figli, Jack ed Eli. Laureati entrambi al Gemological Institute of America, hanno fin da subito preso le redini dell’azienda di famiglia, ricoprendo rispettivamente i ruoli di vicepresidente del settore produzione e del settore marketing, senza però contrapporsi alla supervisione di Davide Zybert.

Zydo è sinonimo di una tradizione orafa di Valenza che vuole offrire ai propri stimatori un’immagine innovativa. Una dedizione al lavoro perfezionista, impeccabile nei minimi particolari e definita in ogni dettaglio.

Attualmente il marchio si avvale di una fitta rete di vendita che abbraccia mercati importanti:
New York, Macao, Honk Kong, Salonicco.

Crescente curiosità intorno alla realizzazione del World Jewellery Centre, a Portello Nord – Milano – più volte annunciato e plausibilmente in porto nel 2009; potrebbe assegnare un ruolo di primaria importanza alla Zydo, coinvolta nel progetto.

Un occasione in più per rilanciare il Made in Italy nel mondo e fare di Milano la “città del Gioiello”.