Ambientalista sloveno libera aragoste vive comprate al ristorante

di Redazione Commenta

Spread the love

Zara (Croazia). E’ una storia tra il bizzarro e la sensibiltà ambientale, con lo zampino dell’innocenza di una bambina.

E’ successo al ristorante Niko di proprietà di Erik Pavin, dove un signore ambientalista ha comprato delle aragoste vive per 1 300 euro.

L’intento è stato quello di acquistare tutti i crostacei vivi non prenotati per poterli liberare in mare.
Invece di finire in padella, 30 aragoste che attendevano nell’acquario di essere cucinate hanno riacquistato l’insperata libertà.

Il gesto altruista quanto bizzarro è stato suggerito dal tenero tentativo della figlia dell’uomo di comprare un’aragosta con i suoi risparmi.
Speriamo almeno che le aragoste non siano ripescate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.