Survival Condo, il condominio bunker di lusso

di Redazione Commenta

Spread the love

Se eravate soliti la mattina svegliarvi e affacciarvi alla finestra godendovi il paesaggio questo nuovo condominio non farà assolutamente al caso vostro dato che verrete risucchiati dalle viscere della terra e cadrete in un baratro di 54 metri di profondità. Si tratta del Survival Condo, un condominio sotto terra, un vero bunker quasi inaccessibile e inattaccabile ma nonostante questo al momento è già tutto prenotato. Parola d’ordine: essere milionari.


L’idea è nata da una società del Colorado che ha voluto riutilizzare un edificio utilizzato dall’esercito per difendersi da eventuali attacchi atomici. La costruzione di 14 piani è perciò assolutamente a prova di bomba atomica o impenetrabile nel caso di un’epidemia di Ebola o di un’invasione jihadista. Ma non è il solo edificio, sta infatti per essere completato anche il secondo dato che nel primo sono stati venduti tutti gli appartamenti.

Non è un caso che solo i ricchi possono accedere a questo edificio; sono soprattutto medici, scienziati, imprenditori e amministratori delegati ad aver acquistato l’appartamento o addirittura un piano intero come nel caso di un imprenditore che ha speso 12 milioni di dollari in previsione di portarci sù la famiglia e gli amici in caso di catastrofe.
Per accedere al Survival Condo bisogna varcare un portone corazzato con porte di almeno 7 mila chili l’una e blindato da personale armato e addestrato come forze speciali.

Ogni abitazione è spaziosa e dotata di tutti i comfort, scorte di cibo incluse e persino un sistema di illuminazione che replica la luce del sole, al posto delle finestre degli schermi per ricordare il mondo che c’è in superficie tutto questo a partire da 1 milione e mezzo fino ad arrivare ai 3 milioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.