Il premio Nobel di Quasimodio venduto all’asta

di Sara Mostaccio Commenta

Da Bolaffi a Torino oggi 2 Dicembre sarà battuta all’asta la medaglia del Premio Nobel per la Letteratura conferita al poeta italiano Salvatore Quasimodo nel 1959.

premio nobel quasimodo

Il prestigioso riconoscimento è stato assegnato all’intellettuale italiano con una motivazione che poneva l’accento sulla “per la poetica liricità con cui ha saputo esprimere le tragiche esperienze umane dei nostri tempi.”

Oggi quella medaglia tanto ambita e così significativa va all’asta. Si tratta della prima vendita del genere in Italia nonché del primo premio Nobel italiano che va all’asta in tutto il mondo. Ben tristi primati. Finora tuttavia sono stati venduti sul mercato internazionale ben 16 premi Nobel che arriveranno a 17 con la vendita odierna.

La base d’asta è stata fissata in 50 mila euro ma si stima un prezzo di vendita compresa tra i 100 mila e i 150 mila. L’appuntamento è per questo pomeriggio alle 16.30.

Parte dei proventi della vendita sarà destinata ad una borsa di studio per finanziare un corso di laurea triennale a Milano allo studente più meritevole della scuola tecnica Jaci di Messina, frequentata dallo stesso Quasimodo prima di trasferirsi a Roma, Firenze e infine Milano.

L’idea della borsa di studio è quella di consentire ad uno studente di oggi di ripercorrere idealmente la via del celebre poeta da Messina a Milano, con l’opportunità di proseguire i propri studi universitari che fu negata al giovane Quasimodo.

La scelta di mettere in vendita il premio è del figlio del poeta, Alessandro, che era già stato duramente criticato quando aveva messo in vendita l’archivio del padre per difficoltà economiche. Difficoltà che si sono puntualmente ripresentate costringendolo a questo passo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>