Un team italiano rilancia il negozio iconico inglese Liberty

di Redazione Commenta

Ogni città ha il suo negozio iconico, tra queste c’è Londra, che in uno spettacolare edificio stile Tudor ha Liberty, un negozio inglese al 100%, tanto che anche la Regina e molti vip fanno compere lì.

Al suo interno ci sono sciarpe e cravatte, è frequentato da reali ed è aperto dal 1875. A rilanciare questo gioiello è un team tutto italiano, che finanzierà il negozio di moda e design british.

Merril Lynch e Marco Capello sono coloro che hanno rilevato la società Liberty questa estate, ed ora si sono ritrovati a ricevere telefonate da reali e vip inglesi. A comperare il negozio è stata la BlueGem, fondo di Andrea Agnelli, Rocco Sabelli amministratore delegato dell’Alitalia, Mario Greco, Giorgio Girondi.

Dopo un periodo in negativo, il negozio torna a splendere e questo grazie all’accordo di Capello con Steve Jobs per lanciare la bag Liberty per iPad, portare Manolo Blahnik a disegnare una collezione per loro, il rinnovo delle stoffe ed uno smodato utilizzo di Youtube per celare qualche segreto di Liberty.

Proprio ieri, il Time Out, giornale londinese, ha premiato Liberty come miglior boutique di Londra, e la prossima settimana i soci italiani andranno a Londra per una cerimonia inaugurale per l’apertura della maggior area del mondo dedicata a foulard e sciarpe a Regent Street.

Con 15 milioni di debiti quando è stata rilevata, Liberty, grazie alla formula italiana potrà tornare sulle alte vette e miglior negozio di Londra entro il 2012 con le Olimpiadi che porteranno in città migliaia di turisti che faranno a gara per accaparrarsi qualche regalino da riportare al proprio caro presso il Liberty.

fonte Il corriere della sera

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.