The Club, il garage con le auto di lusso

di Valeria Douglas Commenta

Il sogno di ogni uomo appassionato di motori? The Club, il garage con le supercar più affascinanti al mondo: Bentley GT e Continental, BMW M3 e M6, Maserati Quattroporte, Porsche 911 turbo e GT2, Ferrari 430 e 599, Lamborghini Gallardo Coupè e Spider, Alfa 8C Competizione e Ford Gt, oltre a delle moto Ducati e un motoscafo.

Il progetto di The Club nasce da un esperto del settore, Emanuele Naspetti – ex pilota di Formula 3000 e Formula Uno – che ha seguito la scia di tanti garage di lusso aperti negli Stati Uniti e ha inaugurato il filone anche in Italia.

Come si fa a diventare socio di The Club? Ecco le istruzioni: occorre versare una quota di 14.000 o di 24.000 euro per utilizzare fino a 8 auto da sogno per un periodo di 5 giorni. Ma non solo. Fondamentale è anche un colloquio da superare con il presidente Naspetti.


Se uno fa il fenomeno ai colloqui con me o i miei collaboratori può avere tutti i soldi che vuole, ma The Club non fa per lui. Mi piace l’idea che ognuno dei soci possa provare la macchina dei suoi sogni senza preoccuparsi di nulla. Bollo, assicurazione, gomme: di tutta la gestione delle auto ci occupiamo noi. Si ritira la macchina, la si guida per quanti chilometri si vuole senza costi aggiuntivi e ci si diverte. Quando ce la riportano la mandiamo subito in carrozzeria, anche solo per una lucidata. Eventuali multe? I clienti le pagano senza problemi…

Oggi The Club conta tre sedi: Lugagnano di Sona, in provincia di Verona, Milano e Montecarlo. Previste, inoltre, due nuove aperture a Ginevra e Mosca.

I soci? Attualmente non sono più di 55. Trattasi, per la maggior parte, di imprenditori e liberi professionisti. Tra i nomi noti, Marco Melandri e Valerio Staffelli.
Ultima curiosità: le auto preferite dai clienti? Lamborghini e Ferrari su tutte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.