Acqua di Parma, l’edizione speciale per i 100 anni

Acqua di Parma celebra il suo primo centenario con una speciale edizione limitata realizzata con la collaborazione di Damiani. Nel 2016 la famosa colonia ha compiuto 100 e per festeggiare appropriatamente un così importante compleanno è stata creata una Centenary Edition della fragranza.

acqua di parma

L’edizione centenario è custodita in un flacone da collezione, davvero unico e prezioso. L’intera bottiglia è rivestita da una lussuosa decorazione in argento 925 realizzata dalla maison di gioielleria Damiani secondo stilemi di sapore Art Deco che rimandano all’epoca in cui la profumazione nacque e fu lanciata per la prima volta sul mercato.

Erano gli anni Venti del Novecento quando la colonia esordì conquistando uno spazio di nicchia che ancora oggi detiene. Gli ornamenti della bottiglia riprendono lo stile in voga dell’epoca e si rifanno anche ai fregi del Teatro Regio di Parma, città che diede i natali alla colonia stessa.

Nacque per l’intuizione del barone Carlo Magnani, residente a Parma, che commissionò ai suoi profumieri di fiducia la creazione di una fragranza personalizzata indicando, con precise istruzioni, il jus desiderato che doveva essere fresco, innovativo, originale. Il risultato lo conosciamo tutti, è Acqua di Parma che divenne anche la prima colonia italiana.

In quel periodo inoltre era consuetudine custodire i profumi in flaconi preziosi, riccamente decorati, spesso realizzati in metalli pregiati, che divenivano essi stessi ornamento della toletta prima ancora che contenitori del profumato nettare. Da qui la scelta di utilizzare l’argento per rivestire, stavolta, il classico flacone in vetro. Un pezzo da collezione da non farsi sfuggire, specialmente se si ama già questa fragranza.

Il museo del profumo a Parigi

Sarà inaugurato nel breve volgere di pochi mesi il nuovo museo del profumo a Parigi nella esclusiva location di Rue du Faubourg Saint-Honoré, al civico 73. L’edificio, che sorge nei pressi del lussuoso Le Bristol Paris Hotel, si ricorda per essere stato nel 19esimo secolo residenza del barone Antoine-Marie Roederer. Solo più tardi, e fino a tempi molto recenti, è diventato il quartier generale della maison Christan Lacroix Couture.

museo del profumo

Il palazzo nobiliare è elegantissimo nell’impianto, in perfetto stile parigino nel decor, ed è stato scelto per questo – oltre che per la posizione centralissima – come nuova sede del museo del profumo. Con i suoi 1445 metri quadrati si presta a diventare uno spazio espositivo ideale.

Gli ambienti dell’edificio, appositamente allestiti, racconteranno la grande e prestigiosa tradizione olfattiva francese, ma non solo. Il museo si articolerà su tre sezioni principali che attraversano altrettanti periodi della storia della profumeria. Si comincia dai faraoni egizi per arrivare fino ai giorni nostri e alla scuola di profumeria francese che tutto il mondo apprezza.

Sarà prevista anche una dimensione interattiva che consentità ai visitatori di vivere un’esperienza olfattiva con i propri sensi, sperimentando circa 60 profumi diversi. All’interno del museo sarà poi previsto anche un bookshop con titoli a tema e un concept store dove trovare chicche imperdibili da portare con sé come ricordo. D’altronde che odori e ricordi siano strettamenti legati è già cosa nota.

L’inaugurazione del nuovo museo del profumo è in programma per il mese di Dicembre 2016. Nessun amante dei profumi potrà perdersi questo viaggio nel mondo dell’olfatto, bastarà varcare la soglia per del museo per intraprendere un’avventura a dir poco indimenticabile.

Profumi Philippe Starck

Esordisce con una collezione succulenta e lussuosa dopo molte voci che negli anni si sono rincorse nell’attesa: ecco i primi tre profumi Philippe Starck appena lanciati sul mercato dell’alta profumeria e già desiderati da molti.

profumi philippe starck

Uno dei più celebri designer del panorama internazionale, che ha firmato alcune delle creazioni d’arredo più note e apprezzate al mondo, lancia dunque la sua prima collezione olfattiva composta da tre fragranze speciali.

I profumi sono tre, tutti affidati a grandi nomi del mondo della profumeria, nasi che ogni maison si contende per le proprie creazioni olfattive. Ciascuna fragranza si ispira ad un concetto specifico e dei tre profumi, uno è dedicato alle donne e uno agli uomini mentre il terzo ha un carattere androgino e unisex.

L’idea di fondo è che ogni profumo si radica sulla pelle, limite e al tempo stesso ponte di contatto che ciascuno di noi possiede tra il mondo interiore e quello esterno. Tramite la pelle comunichiamo il nostro profumo e al tempo stesso la vestiamo con la fragranza che meglio ci rappresenta.

Il primo profumo si chiama Peau de Soie e lo ha creato Dominique Ropion che ha scelto di raccontare una femminilità piena di grazia e di forza. La seconda proposta è un’idea di Daphné Bugey, si chiama Peau de Pierre ed è dedicata ad un uomo che non teme di sfoggiare la propria sensualità. L’ultima fragranza è Peau d’Alliers, ideata da Annick Ménardo che ha messo a punto un bouquet androgino e delicato.

La linea di profumi di Philippe Starck si chiama Starck Paris ed è prodotta dall’azienda iberica Perfumes Y Diseño. Il packaging invece è un’idea dello stesso designer che ha ideato personalmente gli splendidi flaconi.

Note di Colonia Acqua di Parma ispirate all’Opera

Si ispira all’opera la nuova collezione di fragranze Note di Colonia Acqua di Parma: si tratta di una serie di profumi speciali, tre in tutto, che usciranno ufficialmente nel corso del mese di Settembre e che oggi scopriamo in anteprima.

Note di Colonia Acqua di Parma

Nascono per celebrare il primo centenario della tradizionale Colonia del marchio di profumeria di lusso. Il trio si ispira esplicitamente alla musica e più precisamente alle celebri arie dell’opera che diventano punto di riferimento preciso di ciascuna fragranza.

Si tratta di tre interpretazioni speciali della classica Colonia originariamente lanciata da Acqua di Parma 100 anni fa. Anche i flaconi riprendono le linee della bottiglia tradizionale del secolo scorso. Scopriamo note e caratteristiche di ciascuna proposta olfattiva.

Note di Colonia I si apre con accordi di bergamotto e neroli a cui si sposa un cuore fiorito di lavanda, violetta e rosa. Il jus si chiude su accenti caldi e avvolgenti di cedro e patchouli. È un profumo gioioso e vibrante influenzato dalle atmosfere de La Traviata di Verdi.

Note di Colonia II si apre con un insieme agrumato di bergamotto, pompelmo e arancia a cui si combinano accordi di basilico e cardamomo per giungere infine a sandalo e legno di guaiaco, con muschio e vetiver. L’ispirazione proviene dal Nessun dorma di Puccini tratto dalla Turandot.

Note di Colonia III
Il jus si apre con tocchi di mandarino e zenzero seguiti da note di cuore ricche e sontuose che vanno dal vetiver all’incenso passando per l’esuberanza del gelsomino. Si chiude con fava tonka, labdano e mirra. Il profumo è romantico e intenso e rende omaggio alla Marcia Trionfale dell’Aida.

Jo Malone Rare Tea collection, profumi ispirati ai grandi tè

Arriva la nuova linea di fragranze di lusso ispirate ai grandi tè che si chiama Jo Malone Rare Tea collection. La collezione del marchio britannico, famoso per le sue profumazioni ricercate, si compone di 6 proposte ispirate ai celebri tè provenienti da Cina, India e Giappone.

jo malone rare tea collection

Per creare il bouquet delle singole fragranze a cui prestano note olfattive e nome, le foglie di tè sono state selezionate manualmente e accuratamente e poi macerate nel profumo riproducendo la stessa stessa di infusione che si utilizza per la preparazione del tè.

Ciascuna proposta firmata Jo Malone dunque presenta una nota principale derivata dal tè che presta il suo carattere alla singola fragranza e si sposa ad un jus raffinato e perfettamente abbinato all’accordo centrale. Il risultato è sempre raffinato e lussuoso, proprio come ci si aspetta dai profumi delle collezioni di Jo Malone. Scopriamo le proposte una per una, con le relative note.

Darjeeling Tea sceglie il tè nero coltivato ai piedi dell’Himalaya. Qui si sposa a sentori di gelsomino, fresia e davana, l’artemisia indiana.

Golden Needle Tea punta sul tè dello Yunnan, la provincia cinese che fornisce alcuni dei tè più deliziosi al mondo. Alle sue note si combinano accordi di pelle, spezie, sandalo e benzoino.

Jade Leaf Tea si basa sulle note del tè verde Kyushu combinate a semi di sesamo, pomelo e olibano, un incenso derivato dall’albero di boswellia carterii.

Midnight Leaf Tea sceglie ancora il tè dello Yunnan, stavolta nella varietà pu-erh che si fonde a vaniglia, labdano e legno di guaiac.

Oolong Tea propone sentori dell’omonimo tè delle montagne di Jiangsu combinati a cacao amaro, foglie di tabacco e fava tonka.

Silver Needle Tea, infine, opta per un tè bianco raccolto all’alba nelle valli di Fujian per preservarne la delicatezza. Qui si sposa a note di rosa, salvia e muschio.

Guerlain rilancia tre profumi Les Parisiennes

Guerlain rilancia alcune delle sue più celebri fragranze della linea Les Parisiennes in una speciale edizione limitata, custodita in speciale flacone di ispirazione vintage proposto in formato esclusivo da 125 ml.

Guerlain profumi Les Parisiennes

Si tratta di tre profumi di lusso di casa Guerlain che hanno fatto la storia della profumeria e che tornano a stuzzicare il desiderio delle donne che amano il lusso di una fragranza storica e ricercata, capace di raccontare una storia e di essere al tempo stesso molto contemporanea.

Ciascuna delle tre proposte è custodita nella pregiata bottiglia in cristallo con tradizionale decorazione ad api, uno dei simboli della maison, lavorate a rilievo e impreziosite da una placchetta d’oro. Ogni bottiglia è personalizzata da un nastro di diverso colore per identificare le rispettive fragranze.

La prima si chiama L’Heure de Nuit e nasce da un bouquet ideato da Jacques Guerlain nel 1912 per celebrare le romantiche notti parigine. Il profumo è elegante e sofisticato, con note di bergamotto, anice, pesca, fiori d’arancio, gelsomino, rosa, vaniglia, iris, eliotropio e muschio bianco.

Guerlain-Les-Parisiennes-LHeure-de-Nuit

La seconda è Cherry Blossom e il nome ne svela già l’anima. Fu creata in origine da Jean-Paul Guerlain che scelse fiori di ciliegio rosa, simbolo stesso della primavera e fulcro dell’hanami in Giappone. La nota centrale si accompagna ad accordi talcati, bergamotto, ciliegia, lillà e gelsomino.

Guerlain-Les-Parisiennes-Cherry-Blossom

Promenade des Anglais è l’ultima fragranza proposta della serie e ispirata al mondo della Provenza. Combina accordi di bergamotto e iris sposati a note agrumate e fico. Fresca e frizzante, è una combinazione olfattiva che ricorda la bellezza luminosa della Costa Azzurra d’estate.

Guerlain-Les-Parisiennes-Promenade-des-Anglais

Profumi di lusso: Goldea di Bulgari

Goldea di Bulgari aspira al premio come Miglior Profumo 2016 tra le fragranze di lusso lanciate di recente che partecipano all’ambito concorso dell’Accademia del Profumo. Si tratta infatti di una delle novità appena proposte dalla maison romana.

goldea di bulgari

A idearne il bouquet è stato Alberto Morillas che ha già collaborato con i più grandi nomi della profumeria e della moda mettendo al loro servizio il suo celebre naso. Per questo jus si è puntato su una creazione olfattiva di tipo floreale e orientale.

Goldea rende omaggio a Cleopatra, donna e dea insieme, ispirandosi alla magnificenza dell’oro che è quello sontuoso e scintillante del metallo prezioso ma anche quello potente del sole. Al centro della fragranza risalta però il muschio, un accordo che i profumi di Bulgari amano sempre molto.

Le note orientali della fragranza si sposano a tocchi olfattivi radiosi come il bergamotto, i fiori d’arancio e il lampone, che esplodono in testa. Nel cuore invece il profumo diventa subito più caldo con gelsomino, yalang ylang delle isole Comore e muschio ambrato reale. In chiusura il jus si sigilla con papiro egiziano e patchouli dorato.

Lo splendore di questa fragranza, caratterizzata da note così piene di luce, si riflette anche nella splendida confezione tutta d’oro, sia nel cristallo che assume i bagliori della fragranza che nel tappo, un vero piccolo capolavoro di gioielleria, in cui peraltro Bulgari per tradizione eccelle. La sua forma stessa ripete la simbologia che attraversa tutta la creazione, ricordando il disco solare che i faraoni indossavano come simbolo del loro potere divino.

Le medesime linee sono riprese dal flacone tondeggiante e non manca neanche il richiamo al motivo del serpente, ricorrente tra le creazioni di casa Bulgari oltre che direttamente legato alla leggenda della morte di Cleopatra.

Profumo Acqua di Parma Colonia Club

Acqua di Parma Colonia Club è in lizza per il Premio Accademia del Profumo 2016 come Miglior Profumo per Lui e dopo aver vinto come Miglior Profumo di Nicchia maschile nel 2015 sarebbe un bel colpo portare a casa un altro prestigioso riconoscimento.

acqua-di-parma-colonia-club

Parliamo una fragranza maschile lussuosa ed elegantissima, ideata dal naso François Demachy e lanciata pochi mesi fa. Nonostante sia un profumo appena uscito è già diventato un imperdibile must-have per il guardaroba olfattivo dell’uomo che punta ad indossare il proprio stile anche con la giusta scelta della fragranza più adatta alla propria personalità.

Si tratta di un profumo molto particolare, dall’essenza inedita. Si apre con note agrumate, tra cui limone e bergamotto ma anche mandarino e petit-grain, che in un certo senso caratterizzano tutte le acque di colonia di Acqua di Parma. Poi arrivano il neroli e il galbanol che aggiungono una nota di freschezza sposandosi a geranio e lavanda. Infine, in coda, un ricco muschio si unisce a vetiver di Haiti e ambra grigia.

Acqua di Parma Colonia Club, con un jus così ricercato e articolato, si rivolge ad un uomo dinamico e sicuro di sé, che trasmette con le note olfattive che sceglie di indossare le proprie passioni e un approccio al mondo che non dimentica di essere elegante neanche nei momenti più rilassati.

La maison racconta questo profumo parlando di un uomo determinato e intuitivo, appassionato e rigoroso, che sa esprimere la propria potenza ma anche controllarla. L’ispirazione viene dal dressage, elegante variante dello sport più nobile che ci sia, l’equitazione. A quel mondo allude anche il packaging del profumo.

Profumi di lusso: Fougere Royale de Houbigant

Un profumo è un dettaglio lussuoso quanto un gioiello e pur se intangibile e del tutto invisibile sa come farsi notare, tanto più se parliamo di una fragranza davvero speciale come Fougère Royale de Houbigant che è appena stato riproposto in una confezione rinnovata.

Fougere Royale de Houbigant

Si tratta di una proposta declinata al maschile che ha scritto la storia stessa della profumeria di lusso. È stato creato nel 1882 dal naso Paul Parquet e ha rivoluzionato l’intero settore delle fragranze oltre ad essere il primo Fougère della storia. Il suo creatore è diventato un nome mitico della profumeria di alto livello grazie ad un innovativo – per l’epoca – bouquet verde e fresco, che ricorda l’aroma dei boschi.

In apertura del jus troviamo sentori freschi di bergamotto, erbe mediterranee, lavanda e camonilla che insieme a geranio, rosa di maggio, cannella e chiodi di garofano che ci conducono nel cuore del profumo. In chiusura si avvertono accordi di ambra, muschio di quercia, salvia e cumarina.

profumo-Fougere-Royale-de-Houbigant

È quest’ultimo elemento a farsi notare sopra a tutto gli altri perché fu usato per la prima volta in assoluto proprio in questo particolare profumo, diventando celebre. Si ricava da una materia prima naturale, la fava tonka, e ricorda note vanigliate.

Oggi quella mitica fragranza è stata riproposta in uno splendido flacone dal gusto rinnovato secondo il design contemporaneo, pur senza dimenticare le sue origini storiche. Si vende esclusivamente nella preziosa versione eau de parfum a 125 euro per il flacone da 100 ml. Esiste però anche un extrait de parfum, più intensi e concentrato, dedicato ai veri intenditori e proposto a 450 euro per lo stesso formato da 100 ml.

Mercedes lancia il suo nuovo profumo per il 2012

Mercedes benz lancerà entro i primi mesi del 2012 il nuovo “Mercedes-Benz Perfume. The first fragrance for men”, una linea del tutto nuova per la stella a tre punte, sicuramente una prova tangibile che dopo essere una casa automobilistica di p’ura efficenza e lusso concreto, Merceds è apprezzato anche come un brand. La fragranza è stata realizzata dal famoso profumiere Olivier Cresp (Firmenich)

Guerlain 1870, all’asta alcuni profumi della maison

guerlain

Uno dei profumi di Guerlain 1870 è stato recentemente venduto all’asta nella città di Arcachon, nel sud-ovest della Francia per la somma di 45.600 €.

Il flacone, pezzo originale della casa di Rue de la Paix, ha avuto da parte di esperti una stima pre-vendita di € 20.000 – 30.000 €.

Moschino: il nuovo profumo “Glamour”

Per tutte coloro che amano i profumi griffati c’è una novità all’orizzonte: “Glamour” di Moschino. La fragranza ha un sapore fiorito e fruttato, ottenuto dall’ibisco, dal fiore del mandarino, dall’orchidea cattleya, dall’assenzio e dalla delicatezza della ninfea, con l’aggiunta di note di ambra e legno di cedro, e un tocco di muschio bianco. Completa l’opera un accordo di sale marino.

Glamour” è un profumo perfetto per donne dallo stile giovane e dinamico, ma che non rinunciano al romanticismo con un tocco si sensualità. 

San Valentino 2009: regala la nuova edizione di “Ck One” e “Ck Be”

Fragranze uniche, leggendarie, presentate in esclusive confezioni da collezionare. I profumi “Ck One” e “Ck Be” by Calvin Klein sono riproposti con inedite bottiglie proprio a partire da febbraio, il mese degli innamorati. Infatti questi due fragranze rivisitate nel look, costituiscono un ottimo regalo per San Valentino 2009. Due flaconi da 100 ml celebreranno questo giorno con una confezione unica, con casse per Ipod e bottiglie serigrafate.

Ck One” è una fragranza fresca, leggera, raffinata e agrumata, che racchiude bergamotto, cardamomo, mandarino tangerino, fresia e lavanda, con una punta di the verde ed espressioni di violetta, rosa e fiori d’arancio. Il muschio, associato all’ambra, completa la sensazione di pienezza e di calore.