Sbarco sulla Luna: il quarantesimo anniversario dell’allunaggio

di Giulia Ferri 5

Questo è un piccolo passo per un uomo, ma un grande balzo per l’umanità

Con queste parole il comandante della missione spaziale Apollo 11, Neil Armstrong sottolineò una delle più grandi imprese storiche compiute dall’uomo. Correva l’anno 1969.

Sono passati ormai quarant’anni da quella notte del 20 luglio, seguita da 600 milioni di persone col fiato sospeso in diretta TV mondiale.
Nel corso degli anni non sono mancati i processi mediatici, in appanaggio alle teorie di cospirazione che avallano la tesi di uno sbarco mai avvenuto, sostenendo il complotto che le riprese audio video dell’allunaggio siano in realtà delle false riprese effettuate sulla Terra.

Tuttavia il 2009, sembra allontanare i dubbi circa i complotti lunari e si prepara al meglio per festeggiare il quarantesimo anniversario del primo sbarco dell’uomo sulla Luna. Tantissime le iniziative per celebrare l’evento, ve ne segnialiamo solo alcune:

– La terza edizione di Roma FictionFest si aprirà con il film “Tv Moonshot – The Flight of Apollo 11”, diretto da Richard Dale, un film – documentario arricchito di immagini inedite sul primo allunaggio.

Ospite d’onore della prima serata, all’Auditorium della Conciliazione il 6 luglio 2009, l’astronauta Edwin ‘Buzz’ Aldrin, che accompagnò Neil Armstrong nella prima passeggiata lunare.

– Il Museo Civico di Rovereto (TN) dal 21 maggio al 31 luglio 2009 ospita la mostra “Back to the MoonRitorno alla Luna”, all’interno della rassegna audio-visiva Discovery on film.

Imperdibile il campione di roccia lunare fornito in prestito dalla NASA e una riproduzione fedele e funzionante del Lunar Rover, il veicolo usato dagli astronauti per il trasporto dei campioni di terreno.

Testimonial d’eccezione il fumetto Nathan Never, allegato al programma.
Anche qui ospite un astronauta: il decimo moonwalker Charlie Duke.

Non potevano mancare le edizioni speciali a tiratura limitata:

Omega ha recentemente presentato a Baselword 2009 di Basilea l’ Omega Speedmaster Professional 40 Anniversary Moon Landing, che sul fondello riproduce lo stemma della missione Apollo 11, ovvero un’aquila che scende sulla luna tenendo per gli artigli un ramoscello d’ulivo.
E’ un re-styling degli orologi indossati dagli astronauti.

Moon Dust di Romain Jerome è invece un orologio costruito con parti metalliche dell’Apollo 11 e della stazione spaziale ISS, insieme a polvere lunare.

Edizione limitata di 1969 esemplari, a partire da 15mila fino a 500mila dollari.

O graziosa luna, io mi rammento
che, or volge l’anno, sovra questo colle
io venia pien d’angoscia a rimirarti:
e tu pendevi allor su quella selva
siccome or fai, che tutta la rischiari.

G.Leopardi. Alla Luna.

Commenti (5)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.