Palazzo Montecito: la casa di Scarface è in vendita

di Sara Mostaccio Commenta

Il Palazzo Montecito è diventato noto per essere stata la sontuosa residenza di Tony Montana, il gangster del famoso film Scarface del 1983. La magnifica villa californiana è stata appena venduta per la cifra di 1,1 milione di euro. Un prezzo stratosferico ma che è comunque un terzo rispetto ai 3,2 milioni richiesti inizialmente.

Palazzo Montecito

La progettazione è firmata dall’architetto Bertram Goodhue che ha disegnato anche la Biblioteca pubblica di Los Angeles e il campidoglio in Nebraska. Negli Stati Uniti, una vera archistar.

La location si chiama El Fureidis ed è una tenuta di 930 metri quadrati conosciuta anche come Little Paradise o Pleasure Gardens per la piacevolezza dei luoghi. Il nome della casa, che si chiama appunto Montecito, deriva invece dalla contea in cui si trova, in California. Il suo nome più antico però risale all’inizio del Novecento, quando si chiamava Palazzo Gillespie. La casa originaria infatti è stata edificata nel 1902 ed è stata poi ampliata, ristrutturata e impreziosita ulteriormente.

Palazzo-Montecito-California-01

Lo stile della costruzione è neoclassico con ricche decorazioni di sapore bizantino negli interni, tra cui una cupola di 5 metri di altezza. L’atrio centrale si apre su un salone panoramico con vista a 360 gradi sulla baia di Santa Barbara. Si aggiungano 4 vaste camere da letto e 5 bagni, tutti sontuosi.

Tutto intorno alla dimora sorgono splendidi giardini persiani ricchi di alti alberi secolari e lussureggianti, palme, aiuole curatissime, sentieri e muretti che disegnano confini e creano un ambiente rilassante e accogliente. Non per nulla chiamano questo posto piccolo, paradiso, no? Pensate che oltre ad essere stato il luogo delle riprese di Scarface, è diventato anche ispirazione per Adventureland a Disneyland. In giardino si trova anche una splendida piscina.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>