Donald Trump aprirà il suo Golf Resort in Scozia ?

di Redazione Commenta

Solo dopo tanto darsi da fare e tanta fatica nel parlare che il magnate Donald Trump, nel mese di novembre è riuscito ad avere l’approvazione per un miliardo di dollari, per lo sviluppo del Golf Resort in Scozia (anche se i problemi ancora non sono spariti nel nulla). Alleluja!

Si dice che la crisi economica mondiale abbia sfrenato un po’ l’inizio dei lavori delle 500 case di lusso a Menie (Aberdeenshire), a causa del rallentamento del mercato immobiliare, ma George Sorial, Direttore Generale per lo sviluppo internazionale dell’organizzazione Trump, dice che tutto questo vociferare sia un falso. Sorial ha così aggiunto, dicendo che la parte residenziale sia stata pensata come ultima parte del progetto, specificando che la prima ad essere analizzata sia la parte della strada A90, al fine di evitare gravi problemi di traffico. Non finisce qui, Sorial dice che è un gran momento per costruire, perché le drammatiche fluttuazioni dei tassi di cambio tra sterlina e dollaro Usa, hanno reso il progetto ancora più attraente (perché il lavoro è abbondante,ed il costo dei materiali sta lentamente abbassandosi). Ora, grazie alle fluttuazioni, il periodo favorevole per costruire è proprio questo, molto di più dello scorso anno.

Chi riesce ad entrare nella testa di questi personaggi, è già tre vite avanti a noi, poveri, comuni mortali, che solamente per comperare una casa, ci porteremo dietro un mutuo da pagare per cento e passa anni. E poi non ci venissero a dire, che non abbiamo nulla da lasciare ai nostri figli!!

Gli ambientalisti sono stati lungamente in lotta per questo progetto di Trump, poiché incide sulle protette dune di sabbia: questo fu uno dei motivi, per cui il governo scozzese lo ritenne non adatto. Ma come si dice … i soldi fanno gola a tutti!

Trump, se hai dei problemi nel costruire, noi ne abbiamo altrettanti per comperare!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.