Collezione Keith Haring da Nicholas Kirkwood

Spread the love

Alzi la mano chi non ha mai sentito parlare o visto un’opera di Keith Haring, l’artista e graffitaro newyorkese morto nel 1990 all’età di 31 anni di Aids e famoso per i suoi omini stilizzati, ormai divenuti un cult per l’arte del design moderno. Kate Haring è vissuto sulla strada ma viene ricordato nelle gallerie d’arte moderna, come capita spesso ai geni per metà incompresi e per l’altra non desiderosi di un piedistallo.

Nicholas Kirkwood oggi dedica a Keith Haring una collezione di 12 modelli di calzature in programma di lancio sul mercato nel mese di febbraio 2011. Che giudizio dare di queste scarpe? lasciamolo dire all’autore di queste opere d’arte camminanti,  Nicholas Kirkwood, il nuovo direttore artistico di Pollini.

Ho visto questo documentario intitolato The Universe of Keith Haring, e anche se conoscevo il suo stile, non avevo visto l’ampiezza del suo lavoro. Non riuscivo a smettere di pensare a come stupefacente e prolifica fosse e quanto grande sarebbe quello di integrare la sua grafica in miei progetti. Così ho finito per avvicinarsi al Keith Haring Foundation. Ho dovuto naturalmente vendere un prodotto, ma penso che siano abbastanza contento del risultato finale.

Nicholas Kirkwood si è laureato al Central Saint Martins College of Art & Design e ha vinto diversi concorsi che lo hanno proiettato fin da subito ad essere considerato uno degli stilisti britannici più talentuosi. Nel 2007 è stato vincitore del contest Who’s on Next e nel 2008 Footwear News Designers of the year. Nel 2010, giù impegnato come stilista per Pollinim è stato nominato per il British Fashion Award for Accessories Designer.

A breve Nicholas Kirkwood lancerà un 8 giorni di pop-up online shop con le sue collaborazioni per la pre-vendita con Rodarte, Erdem e Peter Pilotto sarà disponibile per il pre-vendita. Inoltre il suo progetto Pollini Forward Designers selezionerà 5 stilisti emergenti che lo affiancheranno alla creazione e alla presentazione delle collezioni a New York, Parigi e Londra.

Lascia un commento