Bling H2O, acqua di sorgente con Swarovski

di Valeria Douglas 1

Può un’acqua di sorgente lanciare un universo intorno a cui far ruotare eventi e gadget di ogni tipo? La risposta è sì ed è contenuta nel successo di Bling H2O.

Tutto nasce dall’idea dell’autore e produttore di Hollywood Kevin G. Boyd che ha compreso, quasi fosse uno “psicologo da set”, quanto si riesca a conoscere una persona dalla bottiglia d’acqua con cui viaggia.

E così ecco Bling H20, vero e proprio accessorio alla moda. Imbottigliata alla sorgente a Dandridge, nel Tennessee, ha un packing particolare: una confezione tempestata di cristalli Swarovski e con tappo di sughero, quasi fosse una bottiglia di pregiato vino.

Partner di nuomerosi eventi mondani – l’MTV Video Music Awards e gli Emmys – l’acqua in questione ha dato vita anche a un fiorente mercato di memorabilia, come gli indumenti firmati Blind H20: mutandine nere a soli 18 dollari o berrettini da 64 dollari in tre diversi colori – arancio, rosso e nero – e nella versione mimetico-militare.

In questo caso, la classe è proprio acqua…

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.