Aethaer, aria pura a 200 euro a litro

di Sara Mostaccio Commenta

Siamo sempre più attenti a limitare lo spreco delle risorse, soprattutto quelle idriche, ma c’è anche chi ci specula sopra e rende persino l’aria un bene di lusso. Parliamo di Aethaer, l’aria pura a 200 euro a litro che un imprenditore inglese ha appena lanciato sul mercato.

aethaer aria pura

L’intraprendente ventisettenne Leo De Watts ha pensato bene di imbottigliare l’aria delle campagne inglesi e venderla a peso d’oro ai cinesi che vivono nelle metropoli perennemente annebbiate dallo smog.

Il business è decisamente green, non c’è che dire, ma gli scopi sembrano meno nobili di quanto non vogliano apparire. La clientela ideale è la popolazione di Pechino e Shanghai, tra le città più inquinate al mondo e con una qualità dell’aria molto bassa e in costante peggioramento.

Di contro, l’aria delle contee del Dorset e del Somerset, del Wiltshire e dello Yoskshire, è secondo l’ideatore dell’impresa la più pura del mondo. Addirittura definisce le fresche brezze che soffiano su quelle lande incontaminate come le Gucci dell’aria.

Lo spunto è venuto a De Watts dalla sua esperienza personale poiché egli stesso vive in una delle città più inquinate, Hong Kong. Si presume che sia il primo utente della propria azienda e che abbia con sé una sostanziosa scorta di barattoli di purissima aria inglese.

Intanto per lanciare l’iniziativa ha proposto un set da 15 barattoli come idea regalo per il Capodanno Cinese 2016 alla cifra di 888 sterline corrispondenti a circa 1000 euro. Non si può certo dire che a De Watts manchi il fiuto per gli affari.

Chi volesse procurarsi un barattolo di aria pulita da 580 ml potrebbe farlo alla cifra di 80 sterline l’uno, che corrispondono ad un prezzo al litro di circa 200 euro. È proprio aria di lusso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>