Il lusso che non conosce crisi: risultati in salita per il colosso LVMH

di AnnaMaria Commenta

Il mondo del lusso non conosce crisi e il mercato legato ai prodotti di lusso, dall’abbigliamento ai viaggi, non conosce problemi e continua a collezionare successi. E? proprio il caso di un colosso francese, il Gruppo LVMH che è proprietario di 70 Maison eccezionali che creano prodotti di alta qualità.

LVMH è infatti l’unico gruppo presente nei cinque più importanti settori del mercato del lusso: Vini e Alcolici, Moda e Pelletteria, Profumi e Cosmetici, Orologi e Gioielleria, Distribuzione selettiva, proprietaria di numerose aziende di alta moda, come Bulgari, DKNY, Fendi, Givenchy, Kenzo, Loro Piana e Louis Vuitton, di orologi, come TAG Heuer, di alcolici come la Moët & Chandon, di cosmesi come Sephora e di editoria come Les Échos e Le Parisien.

I risultati dei conti del 2016, resi noti in questi giorni, testimoniano la continua crescita del mercato del lusso. Il gruppo LVMH ha chiuso i conti del 2016 con un giro d’affari pari a 37,6 miliardi di euro in salita del 5% . Nel quarto trimestre il giro d’affari è salito del 9%. L’utile delle attività ricorrenti è salito del 6% in quota 7,03 miliardi di euro dai 6,60 del 2015 e superiore ai 6,8 miliardi stimati dagli analisti. E per il 2017 il gruppo punta a crescere ancora in tutti i segmenti di affari, seppure mantenendo un atteggiamento attento al clima di incertezze geopolitiche e valutarie che potrebbero influenzare negativamente il mercato. I punti di forza di LVMH saranno sempre la forte innovazione, la ricerca costante dell’alta qualità dei prodotti e la loro distribuzione.

Attualmente LVMH conta 125.000 impiegati in tutto il mondo e ha chiuso il 2015 con un fatturato pari a 35,7 miliardi di euro.

Mercato del lusso, ti potrebbe interessare:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>