Wilbert Das e la sua Uxua Casa Hotel

di Benedetta Guerra Commenta

Oggi riporteremo l’intervista del sole 24 ore al Direttore Creativo della Diesel, Wilbert Das, un designer olandese che dal 1993 fa parte del team del brand.

Il designer dopo la fatica del Salone del Mobile 2009, è felice di potersi dedicare alla sua casa albergo a Trancoso, un piccolo villaggio di pescatori, che si chiama Uxua Casa Hotel ed è stata inaugurata lo scorso dicembre.

Das dice:

Nell’estate del 2004 stavo restaurando un piccolo bungalow a Venice Beach, in California, e due surfer brasiliani che lavoravano con me mi raccontarono della bellezza di questo Trancoso. Incuriosito, ci andai con degli amici e subito mi colpì la quiete di quel villaggio, tanto calmo che avevo paura mi sarei annoiato a morte. Ma dopo 10 giorni andai via con un gran senso di “saudade”

Da qui comincia l’intervista:

1 Signor Das, come ha fatto il Brasile a penetrare nel cuore di un “olandese razionale” come lei?

Mi hanno conquistato la generosità della gente unita alla bellezza della natura. Ho subito deciso che avrei comprato una casa lì. Ci ho messo un anno, poi ho scelto questa vecchia casa affacciata sul “quadrado” della città, che era stata già restaurata in stile indiano dai proprietari svizzeri. Dopo l’acquisto volevo trasformarla in uno studio per me, poi però ho deciso di restaurare anche le nove casette che si trovavano nel grande giardino. E trasformare tutto in una casa-hotel.

2 Quindi nella stessa proprietà ha creato una casa per lei e delle stanze per gli ospiti?

Il concetto della “casa hotel” rispecchiava la mia idea di vacanza perfetta: sentirsi a casa mentre si è altrove, con servizi a cinque stelle.

3 Lo stile indiano della casa è stato rimosso, e ora Uxua è una pousada molto brasiliana, e anche molto ecologica…

Sì, volevo dar vita a una realtà davvero locale. Ho collaborato con artigiani e artisti della zona, usando anche materiali di riciclo per pavimenti, porte e arredi. Anche le casette sono fatte di legno recuperato da vecchie fattorie. Per me che sono un designer è stata una bella sfida trovare nuovi spunti dalla cultura locale. Una delle soluzioni più belle, secondo me, è la piscina: abbiamo usato un magnifico quarzo verde locale, chiamato avventurina, che secondo la gente di Trancoso ha poteri benefici. Abbiamo messo a mano 40mila pietruzze sul fondo e creato così una sorta di “fontana della giovinezza”.

4 Perché ha scelto il Brasile? Crede che questo paese – come molti prevedono – riserverà interessanti sorprese per il futuro?

Sì, decisamente. Il Brasile è il paese del futuro: una terra con un’enorme ricchezza, ancora da scoprire, e con gente piena di creatività e talento, che apprezza la sua bellezza e la vuole conservare.

5 Ora quali sono i suoi prossimi progetti?

Con Uxua Casa Hotel sono entrato in un nuovo settore nel quale vorrei continuare a investire. Non escludo che un giorno aprirò anche in altri luoghi strutture simili, che rispettano l’artigianalità e la cultura locale.

6 Quanto ha influito la sua formazione e attività nel mondo della moda nel suo progetto?

Tengo molto che Uxua non venga considerato un “design hotel” o un “fashion hotel”: Uxua non è una brand extension di uno stilista, ma celebra una realtà locale. Amo tutto ciò che è locale, e proprio la mia esperienza ventennale nella moda mi ha permesso di rendermene conto. Ho viaggiato molto e il trend che più spesso ho riscontrato è una crescente internazionalizzazione di stili e culture, di musica e di arte… Con Uxua sono voluto andare esattamente nella direzione opposta, e credo che in futuro le persone preferiranno andare in resort piccoli, luoghi che non rappresentano brand o concetti già visti, per trovare nel viaggio un nuovo senso di scoperta.

7 Parliamo ancora di ecologia: crede che il mondo degli hotel possa promuovere la sensibilità nei confronti dell’ambiente?

Credo che l’aspetto “green” per l’hotellerie sia già molto importante. Ogni hotel che lo ignora è fuori dal tempo, e i viaggiatori lo sanno. Sono ottimista sul fatto che il turismo potrà favorire lo sviluppo economico rispettando le culture locali. Con Uxua sto cercando di farlo. Per esempio, offriamo programmi di prevenzione gratuiti per il nostro staff, e nello stesso tempo usiamo metodi di cura naturali, grazie a Dona Gloria che è la più nota guaritrice naturale della zona e che collabora con noi. Inoltre offriamo al nostro staff lezioni di inglese e portoghese.

8 E i clienti? Che tipo di persone vengono a Uxua Casa?

Creativi, “open minded”, che apprezzano i dettagli nell’architettura e nel design. Il nostro cliente ideale ama il “casual luxury”, mangiare nei nostri ristoranti ma anche uscire e provare una cucina casalinga locale, oppure frequentare lezioni di capoeira nella scuola di danza della città o ballare il “foro” nel club.

9 Quanto ha influito la sua ventennale esperienza nella moda nel modo di concepire il suo hotel?

Guardi, non sono assolutamente uno schiavo della moda, un maniaco inseguitore dei trend. Piuttosto sono attratto dall’innovazione estetica in tutte le sue forme. Mi piacciono tutte le cose che hanno a che fare con l’innovazione, e anche una crisi può esserne fonte. Negli ultimi anni la gente ha inseguito troppo i trend e ha preferito ostentare. Tutti segni di volgarità più che di buon gusto. E ora, anche grazie alla crisi, è tempo di trovare una nuova strada.

Fonte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.