Virginia Agnelli in un libro di Marina Ripa di Meana

di Redazione Commenta

Virginia Agnelli – Madre e farfalla
Esce il libro sulla madre dell’Avvocato Gianni Agnelli, la nobildonna Virgilia Agnelli raccontata da Marina Ripa di Meana.

Definita donna anticonvenzionale, mondana e bellissima ma anche impegnata per salvare Roma durante la Seconda Guerra Mondiale.

Ed è l’incubo del conflitto mondiale a fare da sfondo alle vicende racconto, quando nel febbraio del 1944 in seguito all’Armistizio di Cassibile e la fuga del re Vittorio Emanuele III, Roma fu invasa dai tedeschi e dai fascisti prima come città aperta e subito dopo come città occupata.

In questo libro si racconta anche dell’Operazione Farnese, in cui il ruolo della nobildonna fu fondamentale per l’incontro tra Papa Pacelli e il Comandante Supremo delle SS Karl Wolf quando preoccupata delle distruzioni che incombevano su Roma.

Si racconta della cena con il colonnello Dollmann che fu convinto da Virginia a intercedere con Wolfmann per la resa dei tedeschi da Roma e dall’Italia.

Il libro è scritto a 4 mani insieme alla giornalista Gabriella Mecucci.

Marina Ripa di Meana spiega l’interesse per la figura di Virginia Bourbon Del Monte Agnelli:

E’ partito tutto da una fotografia, in cui si vede lei con un ghepardo.
Ho constatato un’impressionante somiglianza tra lei e mia figlia’, Lucrezia Lante della Rovere.
Inoltre c’è una lontanissima parentela tra Virginia e la famiglia Lante della Rovere.

Un’altra tesi che avvalora il recupero della figura di Pio XII, Papa finora contestato per un atteggiamento troppo omertoso nei confronti dei crimini perpretrati dai nazisti.

Eppure per la sua frivolezza, per la sua voglia di vivere leggiadra, Virginia è stata spesso dimenticata da tutti.
Fino a toglierle il diritto di madre con una sentenza del Tribunale di Torino che estromette la podesta dei suoi 7 figli.

Forse è quest’immagine di donna bella – frivola – impegnata con cui Marina Ripa di Meana si è venuta ad intentificarsi, tanto che racconta:

Nel mio piccolo ho salvato il Pincio, mi sono impegnata in battaglie importanti.

Il Pincio è un colle di Roma nei pressi di Villa Borghese dove era prevista la costruzione di un grande parcheggio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.