Liz Taylor lascia 800 mila dollari al suo ultimo marito

di Giulia Ferri Commenta

E’ passato poco più di un mese dalla morte della grande diva di Hollywood Liz Taylor ma si continua a parlare di lei anche per la sua generosità. Al suo ultimo marito, il muratore Larry Fortensky ha lasciato in eredità 800 mila dollari. I due hanno divorziato nel 1996 ma la famosa attrice era molto preoccupata per le condizioni economiche di Larry. In una lettera, poco dopo il divorzio Liz scrisse:

Caro Larry ti ho pensato molto recentemente e sono preoccupata per te, credo tu abbia bisogno di un piccolo aiuto e voglio mandarti mille dollari al mese, fino alla fine della mia vita o fino a che non andrò in rovina.

A causa di un infortunio sul lavoro e di conseguenti operazioni chirurgiche sbagliate Larry Fortensky si è ritrovato a condurre una vita di restrizioni nella sua casa appena fuori Los Angeles.

Dopo anni di silenzio Larry torna a parlare di Elisabeth Taylor raccontando un retroscena risalente al giorno prima del suo ricovero. In un’intervista al Daily mail ha dichiarato:

Doveva andare in ospedale il giorno dopo. Ho pensato che si sarebbe ripresa. Le ho detto che sarebbe sopravvissuta. Ha risposto: “Larry, mi riprenderò”.

Larry e Liz si sono incontrati nel 1989 in una clinica per la disintossicazione e si sono sposati a Neverland, la sontuosa residenza di Michael Jackson. Riguardo al loro primo incontro Larry Fortensky confessa:

E’ stata divertente e dolce e più ho avuto modo di conoscerla, più è diventata dolce. Certo, era molto carina, e neanche io ero tanto male all’epoca. E’ scattata subito l’attrazione fisica.

Il matrimonio tra Elisabeth Taylor e Larry Fortensky era finito da un pezzo, ma probabilmente l’amore era un sentimento che non si era completamente spento nel cuore dell’attrice americana. Speriamo che oltre agli 800 mila dollari Larry  si ricordiper sempre dell’amore che l’ha unito a una delle più grandi dive di Hollywood di tutti i tempi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.