Lady Diana, all’asta una sua parure

di Valeria Douglas Commenta

Parliamo oggi di una donna che, a 13 anni dalla sua scomparsa, rimane un simbolo di eleganza e raffinatezza. In molti continuano a ricordare Lady Diana. Tra questi, un gioielliere di Royal’s Crown, fornitore ufficiale per tutti i gioielli della casa reale inglese, che aveva realizzato per la principessa un set composto da orecchini e collana. Ma a causa della tragica scomparsa, la parure completa non fu mai indossata ed è rimasta per tutti questi anni nelle mani del suo autore.

Adesso il set, come avviene spesos in queste occasioni, va all’asta. Appuntamento tra poche ore da Guersney a New York con un valore stimato intorno ai 1.5 e 2.5 milioni di dollari.

Qualche dettaglio sulla parure composta da una collana e un paio di orecchini in diamanti e perle del sud. Era stata preparata per una serata a cui Diana partecipò. In quell’occasione però, la principessa indossò solo la collana che restituì al gioielliere in attesa che fossero pronti anche gli orecchini. La collana è composta da 5 perle coltivate nei mari del sud, le preferite da Lady Diana, di 12 mm di diametro, da 178 diamanti. Un peso complessivo che arriva a 51 carati. Gli orecchini, invece, sono formati da due perle e ben 6 diamanti.

Non è certo la prima volta che Lady D ‘viene coinvolta’ in un’asta. Nel febbraio 2010 furono rese pubbliche le lettere che la principessa inviava alla sua estetista Jane Filderman. In alcune di queste, confessava la sua triste vita a palazzo.

Mi piacerebbe essere in grado di affrontare la sete di notizie su di noi dei media e della gente, ma dopo tanti anni lo trovo sempre più difficile e non riesco a vedere la luce in fondo al tunnel. So che ci sono un milione di persone che stanno peggio di me, ma alla fine devo vivere con me stessa e dal punto di vista emozionale ora sono confusa e instabile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.