La Bergere 2: la sadica sedia targata Fredrikson Stallard

di Benedetta Guerra Commenta

Fredrikson Stallard, designer noti per la loro eccentricità, famosi per i loro tappeti che imitano le fuoriuscite di petrolio, per i tavolini che assomigliano a lastre di ghiaccio, hanno costruito la loro reputazione sull’innovazione.

Al Salone Internazionale del Mobile di Milano, la scorsa primavera, i carismatici designer hanno esposto mobili con illuminazione swarovsky. Oggi vedremo la spettacolare poltrona La Bergere2, una sedia dal difficile taglio, in acciaio lucidato con riflessi di distorsione e martellato a mano da artigiani che hanno costruiti i prototipi della fantastica Aston Martin e altre famose autovetture sportive.

La base della sedia è in poliuretano, stesso materiale usato lo scorso anno per la poltrona del film Sweeney Todd con Johnny Deep, poltrona costruita per sopportare violenze di natura fisica. Per FredriksonStallard questi oggetti evocano antichi ricordi futuristici, e loro, e la loro arte sono stati definiti come:

il bilanciamento sul crinale tra le tradizioni del passato e sogni del futuro e con un sano disprezzo per le convenzioni di entrambi. Esse ci danno un assaggio di un altra, appena tangibile realtà – una realtà in cui tutte le cose sono più profonde, più scure e più di tutto fantastiche!

La Bergere 2 è limitata a 8 esemplari ed ha un costo di circa 34.000$ (quasi 20.000€) ed è disponibile presso la David Gill Gallery. Immaginate avere una sedie del genere in casa? Bella da vedere, ma non so quanto possa essere comoda da sedere. Spero solo di incontrarmela una dal parrucchiere, mi farebbe ricordare del Diabolico barbiere!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.