I Sofà di Via Giulia, risto-lusso nel cuore di Roma

di Valeria Douglas Commenta

Raffinatezza, lusso e un ambiente gradevole. Questi tre ingredienti sono alla base di “I Sofà di Via Giulia“, il ristorante inaugurato appena lo scorso anno nell’Hotel St George di Roma, ma completamente indipendente dall’albergo, con una propria entrata in un meraviglioso palazzo del Cinquecento. Impossibile non notarlo.

E allora lasciatevi prendere per mano allo scopo di attraversare un sentiero di sapori libero da ogni tipo di insidia. Perdetevi tra le creazioni di Agostino Petrosino, lo chef salernitano che regna all’interno della cucina del ristorante. Intorno a lui, ben 12 cuochi a coadiuvarlo.

Sue le ricette mediterranee – con qualche incursione multietnica come cous-cous e sushi italiano – capaci di mettere d’accordo i palati di tutti gli ospiti, italiani e non, come il piatto Quadro: una rivisitazione del piatto unico. E ancora, la “mescafrancesca” di Gragnano, il risotto ai ricci di mare, gli Agrumi di Sorrento e – il tocco più originale di tutti – il cibo in miniatura per assaggi spiritosi e spuntini veloci a cui non si può dire di no.


Ampia la carta dei vini con più di 100 etichette tutte nazionali. E in estate, occorre assolutamente approfittare del roof garden al sesto piano, uno splendido terrazzo che regala il panorama della Città Eterna. Di cosa parliamo? Della Terrazza Rosé, dedicata esclusivamente ai vini e champagne rosé, il tutto accompagnato da ottima crostaceria.

I prezzi del ristorante? A pranzo attorno ai 40 euro; a cena dai 75 euro in su, con possibilità di menù di mare, di carne o vegetariano.
In fondo, un lusso davvero alla portata di tutti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.