Cina: gli animali pregiati ora sono le pecore Dolan

di Benedetta Guerra Commenta

I ricchi di tutto il mondo si sa, amano esagerare, specialmente quando si tratta di animali. Dopo il cane super costoso, ecco la nuova follia della Cina, la nuova moda per i ricchi cinesi, sono le pecore Dolan, animali molto rari che possono arrivare a costare più di un milione di sterline, circa 1,4 milioni di sterline, o 1,6 milioni di euro.

Queste pecore sono veramente rare, al mondo v ne sono solamente non oltre i mille esemplari ed hanno una struttura fisica molto particolare, costituita da un naso ricurvo con lunghe orecchie, inoltre questi animali sono un vero status symbol per i cinesi che hanno fatto fortuna anche con l’allevamento ovino.

Non c’è più pace per i nostri amici animali, oramai, è diffuso il morbo dell’animale più costoso, e più è raro e costoso, più fa chic, come se gli altri animali fossero da meno, è un po’ come dividere e lasciare in disparte le persone poco ricche e far andare avanti quelle ricche e con sangue blu … una vera cattiveria!!!

Questa volta ad essere coccolato non è il solito animale domestico, bensì una pecora rara di razza pregiata, unica nel suo genere. Oramai questi animali sono diventati per i cinesi degli animali domestici capaci di conferire loro un certo prestigio sociale.

Liu Fenghua, 48 anni, allevatore di pecore nella città di Aksu, nella regione occidentale dello Xinjiang in una intervista al Telegraph ha raccontato:

Sempre più spesso arrivano qui ricchi signori che caricano sulle loro auto di lusso le pecore. Di norma sono uiguri che hanno fatto fortuna nel settore ovino e vogliono una pecora pregiata da tenere come animale domestico. Il prezzo dipende dal pedigree. Più il manto è scuro, più sono grandi le orecchie e più è curvo il muso, più sale il costo.

Non è più giusto dare ospitalità e coccolare i milioni di animali senza casa e senza futuro, che cercare sempre l’eccellenza?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.