Nella Top 10 delle città più costose al mondo vince Singapore

di Redazione Commenta


L’elevato costo delle vetture così come la valuta favorevole sono solo alcuni dei valori da considerare per eleggere una città come la più costosa al mondo. Il nuovo sondaggio proposto dal The Economist Intelligence Unit ha tenuto in considerazione vari fattori ed ha decretato Singapore come la città più costosa del mondo superando così Tokyo che si posiziona al sesto posto e premiando la Repubblica Asiatica che resta nella top 10 con due città.

Singapore è nota per il sistema di tasse sulle auto che prevede dei costi assolutamente elevati così come per gli edifici residenziali di cui si circonda e ritenuti tra i più spettacolari al mondo. Non solo ma a Singapore si trovano i mega store, i cosiddetti mall, più grandi al mondo in grado di soddisfare una richiesta sempre più ampia dato che il Paese è in continua fase di espansione e sono soprattutto i brand di lusso a fare la differenza tanto da rendere Singapore la città più costosa dove fare shopping.

Al secondo posto tra le città più costose c’è Parigi, la città romantica dove l’eleganza e lo stile raffinato regnano sovrani, mentre Oslo si posiziona al terzo gradino del podio. Nella classifica seguono Zurigo e Ginevra, Sydney e Melbourne si confermano anche quest’anno mentre Caracas resta stabile rispetto allo scorso anno nella nona posizione. Mumbai, il centro finanziario indiano rappresenta invece la città meno costosa al mondo insieme ad altre città dell’Asia meridionale come New Delhi e Kathmandu che ricoprono gli ultimi gradini della classifica.

Ecco la Top 10 delle città più costose al mondo nel 2014:

  1. Singapore
  2. Paris
  3. Oslo
  4. Zurich
  5. Sydney
  6. Tokyo
  7. Ginevra
  8. Melbourne
  9. Caracas
  10. Copenhagen

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.