Roman Tyc: presenta la mostra Grave Robber

di Benedetta Guerra Commenta

L’artista Roman Tyc divenne noto nel 2007 quando cambiò una cinquantina di semafori a Praga. L’artista sostituì le solite figure rosse e verdi con una varietà di personaggi comici, così da “far uscire i passanti della loro routine quotidiana.”

Anche se questo progetto è valso il riconoscimento dai suoi coetanei, invece che il riconoscimento di un festival di arte indipendente a Vienna, Tyc non era al di sopra della legge quando è stato condannato a un mese di carcere a Praga, che tra l’altro non ha fatto.


Quest’anno l’artista ha deciso di non farci ridere ed ha presentato la sua mostra con il nome “Grave Robber”, costituita da 19 ritratti in bianco e nero realizzati dalle ceneri di un defunto. Secondo lui, alcune delle ceneri dei defunti va a finire nelle discariche, ed ha deciso di fare un po ‘di lavoro pubblico.

Egli spiega:

Devo dire che da quando ho esplorato questo mondo funeratio, mi sono reso conto e ho scoperto alcune cose. Una di quelle cose è il fatto che praticamente non si ha nessuna conoscenza sulle ceneri umane, e solo una piccola percentuale di persone osserva attentamente la propria vita. Per me è stato interessante osservare la gente, per vedere come possano familiarizzare con la cenere e come reagiscono.

Inoltre, questa mostra è una vera e propria “confessione personale” dell’autore che ha perso la madre quando era ancora un bambino. È anche per questo le tabelle esposte non saranno vendute alla fine della esposizione e le ceneri saranno disperse “in un luogo degno” …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.