Marilyn Monroe: i diritti di sfruttamento fino a 30 milioni di dollari

di Redazione 3

I diritti di sfruttamento del nome di Marilyn Monroe e tutti i prodotti derivati secondo il Financial Times dovrebbero passare di mano.

I diritti di sfruttamento legate al nome di l’attrice che morì quasi 50 anni fa, hanno fruttato 4 a 5 milioni di dollari lo scorso anno, compresa la vendita di foto e oggetti che appartenevano a Marilyn Monroe .

Questo valore ha un certo prezzo. Infatti, l’accordo che permetterà Neca e Authentic Brands di sfruttare i diritti delle celebrità decedute potrebbe avvicinarsi $ 30 milioni. New Authentic Brands ha già nel suo catalogo personaggi come Bob Marley.

La domanda da porsi è … le celebrities (morti) vendono? La risposta è sicuramente sì … Lo dice anche la curiosa classifica di Forbes che ha segnalato i morti più amati nel 2010, dove tra i primi tre posti ci sono Michael Jackson, Elvis Presley e J. R. R. Tolkien, l’autore del Signore degli Anelli.

Commenti (3)

  1. marilyn,era una donna gia’ poco bella! io l’ho conosciuta nei giornali…
    😉

    simo…

  2. Marilyn era una donna stupenda, di rara bellezza, perfetta nei lineamenti del viso, tanto che su di lei un neo sembrava una cosa speciale e non un puntino antiestetico… era fragile e questo l’ha portò a commettere degli errori… ma desiderava essere amata, e per questo suo grande desiderio la sua vita ha preso una direzione sbagliata… nel disperato tentativo di farsi amare, si legava a persone sbagliate, ma era una donna bellissima, buona e molto gentile da quel che ho letto nelle biografie , perchè i GIORNALI sono troppo superficiali per essere attendibili.

  3. Simo… tu non sai chi era la monroe… tu non sai quanto intelligente fosse e quanti libri impegnativi leggeva, tu ti sei fermata ai pettegolezzi maligni fatti su una donna sola ed incompresa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.