Madonna: è fallito il progetto della scuola in Malawi e 3,8 milioni di dollari andati persi

di Benedetta Guerra Commenta

Sembra essere fallito almeno per ora, il mega progetto filantropico di Madonna per la creazione di una scuola nel Malawi.

Il New York Time ha reso nota tutta la storia, che ha visto 4 milioni di dollari spesi per una istituzione educativa per sole ragazze africane che non è andata in porto.

L’associazione Raising Malawi, è fondata da Madonna, Michael Berg che è co direttore della organizzazione devota all’ebraismo mistico, il Kabbalah Center International di L.A, ed ha raccolto fin’ora 18 milioni di dollari, di cui 3,8 sono stati utilizzati per stipendi e auto di lusso dei menager molto loschi.

Dalla fondazione sono stati allontanati via mail due co direttori, Aniimile Oponvoe Philippe van den Bossche. Madonna alla fondazione aveva già dato 11 milioni di dollari, ed insieme a lei anche Tom Cruise, Gwyneth Paltrow, ma nonostante tutto questo marasma, la pop star non vuole darsi per vinta, difatti in una nota ribadisce che il team continuerà a lavorare per aiutare il Malawi.

Ad indagare sulla situazione, sotto richiesta di madonna, è stato Trevor Neilson, fondatore di Global philantrophy group, che ha cercato di capire il perché del blocco del progetto, scoprendo che 3,8 milioni erano stati spesi per super stipendi, auto di lusso e iscrizioni a golf club di lusso, inoltre Trevor ha aggiunto, che oltre a non essere stato buttato giù nemmeno un mattone, non c’è nemmeno nessun documento che dia prova della proprietà del terreno.

Il consiglio di Trevor a Madonna è stato quello di abbandonare la scuola per 400 ragazze in Malawi, e dare i soldi alle associazioni già esistenti nel paese.

fonte Corriere della sera

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.