Fabiani Yacht, quando il lusso coinvolge la sostenibilità

di Sonia Pesce Commenta

L’esperienza sia nel settore industriale che nel campo ingegneristico di Maurizio Fabiani, avuta prima del 2015, anno di fondazione di Fabiani Yacht, sta tornando decisamente utile. La testimonianza perfetta arriva dallo stile che caratterizza gli Yacht Fabiani, di una lunghezza che va da 24 fino a 30 metri.

Interessante mettere in evidenza come queste imbarcazioni vengono realizzati con numerosi brevetti in tutto e per tutto esclusivi. Infatti, gli yacht di Fabiani si caratterizzano per rappresentare una vera e propria innovazione legata alla produzione di energia elettrica, per merito della presenza di un parco fotovoltaico a comparsa.

Da mettere in evidenza come la propulsione, che viene garantita per merito del supporto di un sistema ibrido, offre la possibilità di effettuare la navigazione andando ad attivare il propulsore diesel o, in alternativa, il motore elettrico.

Ciascun modello che è stato sviluppato da parte di questo marchio si caratterizza per essere proposto alla clientela non solo nella versione base, in cui il propulsore diesel è decisamente più vicino a standard molto elevati in termini di prestazioni con dei costi particolarmente elevati. Non solo, visto che viene proposta anche la versione ibrida, in cui è da notare come il sistema di pannelli fotovoltaici a scomparsa offre la possibilità di garantire tutta l’alimentazione del caso al parco batterie del motore elettrico, in maniera tale da assicurare una navigazione molto meno impattante dal punto di vista ambientale, ma al contempo caratterizzata da una maggiore efficienza.

Interessante mettere in evidenza come siano state portate a termine, fino a questo momento, diverse simulazioni. Queste prove sono state svolte all’interno dell’arcipelago toscano, anche per via del fatto che il marchio Fabiani Yacht ha la sua sede in quel di Livorno.

Ebbene, da tali simulazioni, si sono potuti apprezzare tutti i punti di forza di tale sistema, dotato di pannelli che vanno a realizzare quella che si potrebbe anche definire una vela strutturale. Quest’ultima ha la capacità di poter sfruttare a proprio favore il vento, oppure di far attivare la propulsione mediante l’energia che è stata in tal modo realizzata.

Se il mare è agitato chiaramente serve utilizzare il motore diesel, ma in altri casi ci si può muovere con tale imbarcazione senza impattare in alcun modo sull’ambiente. Un fiore all’occhio di Fabiani Yacht, che porta ancora più in alto il suo stile, fatto di tanta innovazione e una grande attenzione al tema della sostenibilità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.