Ferrari per l’Emilia: grande successo per la raccolta pro terremoto

di Giulia Ferri Commenta

Nella staffetta solidale alle popolazioni dell’Emilia colpita dal terremoto, anche Ferrari ha corso la sua maratona chiamando a raccolta tanti clienti e tanti appassionati. Un cuore grande e generoso che in 15 giorni ha racolto oltre un milione e ottocentomila euro grazie all’asta indetta su Ferrari.com per le famiglie delle vittime del sisma. La chiamata più importante l’0ha fatta un americano che si è aggiudicato la 599XX per una cifra pari a 1,4 milioni di euro. La Ferrari 599XX è una versione speciale, unico esemplare, della 599 GTB Fiorano.

Al prossimo Gran Premio d’Italia che si terrà a Monza agli inizi di settembre, sarà il Presidente Luca Cordero di Montezemolo e i piloti Fernando Alonso e Felipe Massa a consegnare la Ferrari 599XX con tanto di targa commemorativa e autografata. Un altro “colpo grosso” la vendita del motore della F2008 (in quell’anno Ferrari ha vinto il mondiale costruttori) a 80 mila euro, circa il doppio della base di partenza.

Il musetto della F60, la monoposto del 2009 e cinquantacinquesima nel mondo della F1 per il Cavallino Rampante, è stato aggiudicato da un acquirente malese per la cifra di 23 mila euro. Somme minori, ma sicuramente significative anche per il valore dell’iniziativa, sono andate per i caschi di  Fernando Alonso e Felipe Massa, la tuta di Giancarlo Fisichella e gli esclusivi orologi della Scuderia Ferrari. Molti tifosi hanno poi lasciato offerte libere, come il magnate russo che ha devoluto ben 100 mila euro.

Il Presidente della Ferrari Luca di Montezemolo ha desiderato esprimere tutta la sua gratitudine al popolo ferrarista:

Sapevo di poter contare sul grande cuore dei ferraristi di tutto il mondo ma, una volta di più, mi hanno sorpreso. Voglio ringraziare tutti i clienti, i collezionisti e gli appassionati che hanno partecipato all’asta e hanno dato il loro contributo, facendo sentire attraverso le loro offerte l’affetto e la vicinanza alla gente della nostra terra colpita da questa tragedia

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>