Il bacio di Hayez va all’asta a New York

di Sara Mostaccio Commenta

Va all'asta a New York una delle varianti del celebre quadro di Hayez con il bacio e il prezzo stimato è di un milione di dollari.

Il Bacio di Hayez va all’asta da Christie’s che ha stabilito una cifra base di quasi un milione di dollari. A scanso di equivoci specifichiamo subito che non si tratta del quadro custodito nella Pinacoteca di Brera e a cui i milanesi, ma gli italiani tutti, sono così affezionati.

Ad essere messa all’asta sarà una delle altre versioni esistenti del medesimo soggetto che è stato possibile ammirare nel corso della mostra dedicata all’artista Francesco Hayez alle Gallerie d’Italia a Milano, accessibile fino allo scorso Febbraio 2016.

Doveste avere voglia, e soprattutto la disponibilità economica necessaria, di acquistare lo splendido dipinto, l’appuntamento è per il prossimo 25 Aprile 2016 al Rockfeller Center di New York dove saranno battute all’asta circa 50 opere d’arte europea del diciannovesimo secolo.

La valutazione della base d’asta del celebre quadro è stata stimata in una cifra compresa tra i 640 mila e i 900 mila euro e si pensa di vendere il quadro a non meno di un milione di dollari, sempre che non si ingaggi battaglia per averlo e che i prezzi non finiscano per lievitare oltre ogni previsione.

Un’altra versione del quadro, con la donna in abito bianco, è stata battuta all’asta nel 2008 da Sotheby’s che l’ha venduta a 780 mila sterline, una cifra non distante da quella proposta da Christie’s per l’asta che curerà a fine mese.

Il quadro che sarà messo in vendita a breve è una versione dipinta qualche anno dopo la versione più conosciuta con la donna in abito azzurro e presenta un drappo bianco lasciato sugli scalini. Questo quadro su esposto per la prima volta a Parigi nel corso dell’Expo del 1867 e dopo più di un secolo fa ancora parlare di sé suscitando ammirazione e interesse.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.