Hotel Sacher Wien, cinque stelle a Vienna

di Valeria Douglas Commenta

Siamo nel cuore della città, proprio di fronte all’Opera di Stato. L’Hotel Sacher Wien di Vienna è una vera e propria istituzione austriaca fin dalla sua inaugurazione nel 1876.

Camere e suite che offrono un ambiente esclusivo, comodità all’avanguardia e accessori tecnologici moderni. Le spaziose suite del piano più alto, tra l’altro, offrono terrazze private con una vista indimenticabile sul centro della città. Tutte le camere dispongono poi di un servizio di preparazione per la notte, aria condizionata e pantofole. I bagni includono doccia a telefono, accappatoi e specchi da trucco.

La filosofia dell’Hotel Sacher Wien? Soddisfare e superare le più alte aspettative degli ospiti abituati al lusso.

L’Hotel ospita il raffinato ristorante Anna Sacher che deve il suo nome alla Grande Dame della dinastia Sacher. Premiato con 2 toque, il locale si fa notare per i suoi interni sul verde uniti ai dettagli dorati degli arredi di colore nero. C’è posto anche per il ristorante gourmet Rote Bar, con il giardino d’inverno affacciato sul Teatro d’opera e musica al pianoforte alla sera. Ancora, il Cafe Sacher Wien che offre specialità e caffè viennesi e la Sacher-Torte, lo snack & wine bar Sacher Eck.

E per il benessere e il relax? C’è la Sacher Spa che regala un affascinante mondo di aromi esotici, elementi d’acqua e zone con temperature differenti. Per la clientela, un’innovativa area termale, una sauna storica, un bagno turco con sali aromatici, un bagno alle erbe, docce energizzanti e sensoriali, la fontana di ghiaccio e la sala meditazione. Ancora, massaggi tradizionali, esotici trattamenti per il corpo Ligne St. Barth, trattamenti di bellezza La Prairie ed esclusivi trattamenti per il corpo Time to Chocolate, eseguiti da terapeuti ed estetisti esperti.

Infine, un consiglio su cosa visitare in zona: la Kärntner Straße, la più importante strada dello shopping e zona pedonale nel centro di Vienna, la Ringstrasse, il Museo Albertina, la Cattedrale di Santo Stefano e il Palazzo Imperiale dell’Hofburg.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.