Capodanno 2010, l’Albergo della Regina Isabella a Ischia

di Valeria Douglas Commenta

Lacco Ameno d’Ischia: sorge qui L’Albergo della Regina Isabella, realizzato negli anni Cinquanta e oggi grande fonte di benessere. A disposizione degli ospiti ben 130 camere, di cui 27 Luxury Accomodations caratterizzati da un salotto, due bagni con doccia a cascata con acqua di mare o acqua dolce e di splendida piscina privata con idromassaggio sul terrazzo. E poi sistemi video Bang & Olufsen, Pay per view, connessione a Internet, collegamento WI-FI.

Lasciati alle spalle i ricordi della stagione estiva, L’Albergo della Regina Isabella apre le sue porte all’atmosfera delle festività natalizie. Ideale per trascorrere infatti l’ormai vicino Capodanno 2010, la struttura è composta da quattro piscine: una con acqua di mare depurata, una ipotermale, una per la talassoterapia e la piscina Risveglio dei Sensi per la musicoterapia, la cromoterapia e l’aromaterapia.

Oggi le Terme della Regina Isabella offrono trattamenti e cure che sfruttano le virtù dell’acqua multiattiva e dei fanghi termali, abbinate a massaggi per tutte le necessità. Le acque che sgorgano  sono ipertermali, cioè ricche di cloruri, sodio, bicarbonato, solfati e magnesio. I fanghi caldi sono usati per la cura delle patologie che colpiscono le ossa, i muscoli e le articolazioni; i fanghi freddi, invece, trattano gli inestetismi che colpiscono corpo e viso.

Veniamo dunque al periodo delle festività. Dal 27 dicembre al 6 gennaio, l’Albergo Regina Isabella propone una Spa Tour con presentazione e descrizione dei trattamenti, incontri alle Terme con personal trainer e specialisti che illustrano ad esempio le tecniche del massaggio cinese Qi Gong o, l’importanza delle cure termali.

In programma, inoltre, serate di musica e teatro, gare di cucina tra gli ospiti, cene all’aperto e un Galà con il classico cenone di Capodanno. Il tutto in diversi ambienti raffinati arricchiti da arazzi, lampadari in vetro di Murano, quadri, pavimenti con le tipiche ceramiche di Capodimonte, maioliche dipinte a mano e mobili nello stile delle Ville Patrizie napoletane.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.