Formentera, ecco perché conviene andare in vacanza in primavera

di Gianni Puglisi Commenta

Formentera Beach Cala

Sembra quasi un controsenso, eppure Formentera, una delle più belle isole delle Baleari si può vivere ancora meglio nel corso della stagione primaverile e non in estate come tanti pensano. Il clima temperato, infatti, è un vantaggio davvero molto importante da sfruttare alla grande: durante la stagione primaverile, l’isola diventa ancora più bella, immersa in una natura veramente mozzafiato, senza dimenticare le celebrazioni della Semana Santa.

Quali spiagge visitare in primavera a Formentera

Riuscendo a trovare una buona offerta su Alpitour.it, durante la primavera a Formentera le spiagge diventano veramente una meraviglia della natura. Difatti, si può fare il primo bagno della stagione e anche quelle spiagge estremamente affollate durante luglio e agosto come Illetes e Llevant, sono decisamente più a misura d’uomo nei mesi primaverili, con le loro fenomenali spiagge bianchissime e le acque più che cristalline. In questa stagione, nulla vieta di fare un salto anche a Cala Saona, con la stupenda spiaggia di Migjorn, che presenta insenature rocciose che si alternano con spiagge dalla sabbia bianchissima che formano un panorama veramente mozzafiato. Se decideste di partire durante la primavera, il consiglio migliore da seguire è quello di visitare anche l’isolotto di Espalmador, che si può raggiungere comodamente in barca, da cui si potrà avere una fantastica visuale per ammirare tanti animali e specie naturali. Consigliatissimo anche il tour dei fari dell’isola, che vanno da Cap de La Mola fino a Cap de Barbaria.

Alla scoperta dei borghi dell’isola

Per chi non volesse trascorrere una vacanza a Formentera solo all’insegna di mare e spiagge, ecco che i borghi dell’isola rappresentano un’ottima alternativa. Il capoluogo, San Francesc Xavier, è senz’altro uno di quei luoghi da non perdersi. Tra chiese e fortezze, poi, si snoda tutto il percorso fatto di negozi alla moda e bellissime casette bianche. Una visita non dovrebbe mai mancare anche a El Pilar de la Mola, Es Pujols, la Savina e San Ferran de ses Roques, in cui si potranno trovare non solo bar e ristoranti, ma anche tante costruzioni storiche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>