Ritrovato diamante giallo rubato da un milione di sterline

di Giulia Ferri Commenta

E’ stato ritrovato un rarissimo diamante giallo sottratto nel 2007 alla Graff Diamonds, nota azienda londinese del settore del commercio gemmologico, da due rapinatori che fecero molto parlar di loro per il modus operandi davvero pittoresco: arrivarono con una potente Bentley Continental vestiti come due attori di Hollywood e sparando all’impazzata per tutta Bond Street. Il colpo fruttò in tutto ben 16 milioni di sterline di cui uno relativo al diamante giallo da 16 carati.

Purtroppo non tutta la refurtiva è stata recuperata ma la Metropolitan Police Service, meglio conosciuta come Scotland Yard, è riuscita nell’impresa ardua di intercettare il rarissimo diamante giallo in un Banco dei Pegni di Hong Kong. Ma tutto è stato complicato: la gemma nel frattempo è stata tagliata e il direttore del Banco dei Pegni ha asserito di aver pagato regolarmente oltre 250 mila sterline.

Quando si parla di diamanti gialli bisogna distinguere tra quelli naturali e quelli di laboratorio. Quest’ultimi infatti sono molti diffusi tra il commercio di diamanti sintetizzati in laboratorio in quanto non richiedono una lavorazione così costosa come quelli bianchi e soddisfano i clienti attratti dalla rarità dei diamanti gialli naturali. Quest’ultimi si formano quando nelle molecole di carbonio rimangono “intrappolati” atomi di azoto. Si tratta dunque di una sorta di impurezza e se consideriamo che l’azoto è abbondante sia nell’aria che nella crosta terrestre è quasi paradossale che un diamante giallo sia raro.

C’è da dire però che anche se le inclusioni che danno vita ai diamanti rossi, blu e verdi sono certamente più rari, il colore giallo rischia spaventosamente di assomigliare al marrore per eccessiva saturazione e quindi valere pochissimo. Invece una tonalità particolarmente intensa, decisa e brillante, unita a una grandezza modesta può far moltiplicare al diamante, il suo valore anche in maniera esponenziale.

Adesso sarà interessante scoprire a chi la Corte Suprema di Manhattan darà la ragione nella battaglia legale tra la Graff Diamonds e il Banco dei Pegni di Hong Kong.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>