Le scarpe del matrimonio tra Kate e William e quelle di Cenerentola

di Giulia Ferri Commenta

Da un po di tempo a questa parte non si fa che parlare di quello che è stato definito come il matrimonio del secolo tra il principe William e Kate Middleton. Se ne volete sapere di più e leggervi tutte le curiosità – o quasi – vi consiglio di seguire gli aggiornamenti sul Sposalicious.com, il blog tematico di iSay dedicato al matrimonio.

Nella mia fantasia mi ha colpito molto il dibattito che è nato intorno alle scarpette che Kate potrebbe indossare nel giorno delle sue nozze con il principe William. Stranamente ho associato questa scarpetta con la scarpetta di cristallo di Cenerentola. Ovviamente i contorni e il background sono completamenti agli antipodi ed è proprio questo motivo che ho concluso che, se le scarpette di cristallo rappresentano i desideri della gente normale, la scarpetta di Kate rappresenta il lusso pianificato e progettato dei V.I.P.

C’è chi sussurra il nome di René Caovilla, chi di Manolo Blahink, di Cesare Casadei, Giuseppe Zanotti e Georgina Goodman. Ma chiunque apporrà la firma sulle scarpe da matrimonio di Kate una cosa è certa:  non sarà solo una bella scarpa, non sarà solo una scarpa esclusiva, non sarà solo una scarpa regale. Sarà sicuramente una scarpa costosa. Ma non al livello di chi si da un pizzicotto e non compra la scarpetta di cristallo per poter arrivare a fine mese. molto, molto di più. Quanto? non lo so e sinceramente ritengo futile saperlo.

Si parla di un sandalo in raso nero con zaffiri e diamanti realizzato da Giuseppe Zanotti che abilmente riprenderà il pendat dell’anello di fidanzamento. Si parla di Cesare Casadei con una scarpa gioiello in seta con listini e ricami floreali e di Georgina Goodman avrebbe realizzato una scarpa cin pizzo antico gallese, perle scozzesi e un tacco innovativo.

C’è solo da chiedersi se a Mezzanotte Kate dovrà scappare….in elicottero.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.