Miluna, presenta la Corona Turrita per non dimenticare la Lira

di Benedetta Guerra Commenta

Lo scorso 22 febbraio a Vicenza, in una giornata che celebrava un pezzo di storia italiana ha fatto la sua comparsa anche Miss Italia, con tanto della famosa Corona realizzata da Miluna.

Per questa occasione il gioiello sarà proposto in una nuova versione: quella “turrita” realizzata appositamente per celebrare i 150 anni dell’unità d’Italia .

Stefania Bivone sarà il 28 febbraio di fronte a Fontana di Trevi, madrina di una giornata dal titolo “Indimenticabile Lira”, che per un giorno ci fa tornare indietro nel tempo, esattamente al 28 febbraio 2002, quando la nostra valuta nazionale uscì di scena.

Alle ore 11 Stefania getterà delle monetine con il simbolo “L” nella vasca, con tanto di fascia e con il gioiello sul capo che la trasformerà nella popolare figura dell’Italia Turrita.

La “Corona Turrita” è stata creata nel 2010 per i 150 anni dell’Unità ed è’ l’ottava realizzata per Miss Italia da Miluna.

La corona si compone di linee geometriche e le otto corone realizzate fino ad ora da Miluna sono state trasformate per l’occasione in 8 torri, e tra queste cinque sono ricoperte a full pavè da 1620 diamanti pari a 270 carati, mentre sulle altre 3 torri vi è una incisione commemorativa riporta il logo Miluna, il logo Miss Italia, e la dicitura “Corona Speciale per i 150 anni”. Proprio al centro spicca la famosa Stella d’Italia tricolore particolarmente preziosa formata da rubini, diamanti e smeraldi.

Sergio Cielo Presidente di Cielo Venezia 1270 che con Patrizia Mirigliani ha avuto l’idea di trasformare un simbolo della bellezza in un simbolo di una identità nazionale ancora più grande.

Così come per la nostra lira, entrata ormai a far parte dei nostri miti, anche questo prezioso oggetto racchiude una speciale simbologia. E’ la Corona dell’araldica più classica: quell’Italia turrita, con le cinte murarie e le torri che siamo abituati a vedere su quadri e dipinti fin dal Rinascimento. La rappresentazione allegorica dei comuni e dei campanili che ne fanno un Paese unico al mondo, multiforme e variegato, ricco di straordinarie identità locali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.