Le sculture di sabbia di Jesolo: tutto quello che c’è da sapere sull’evento simbolo della città.

di Redazione Commenta

A ben pensarci non potevano che organizzarlo qui. La geografia antropica di Jesolo, località balneare tra le più note del nostro Paese, è davvero particolare: sei molti dei residenti vivono nel cosiddetto “centro” (Jesolo Paese), la quasi totalità dei turisti dispone il proprio Quartier Generale al Lido, che si dispiega in circa 13 chilometri di spiaggia ininterrotta e percorsa in parallelo dalle principali vie comunali. Gli hotel di Jesolo sono tutti in questa zona, ed è appunto da queste parte che, ogni anno, si tiene l’evento simbolo della città: il Festival internazionale delle sculture di sabbia. Di cosa si tratta?

Anche se il nome dice tutto, in realtà non dice tanto: la mole delle opere, la provenienza degli artisti, la maestria con cui riescono a produrre veri e propri capolavori che fanno impallidire i castelli sghembi fatti con paletta, secchiello e dita nel bagnasciuga. La manifestazione fu istituita nel 1998 e da allora, ogni anno, richiama a sé migliaia di visitatori. A Piazza Brescia, che tradizionalmente fa da base per l’esposizione, i turisti hanno la possibilità di assistere alla creazione da zero dell’opera, dalla bozza preparatoria alla conclusione, gratuitamente e a qualsiasi ora.

Sempre gli stessi – due –, gli ingredienti: acqua e sabbia. Tutto qui. Importante è però anche l’azione delle casseforme di legno, al cui interno la materia prima viene compressa per creare un blocco che è poi possibile lavorare (certo, poi subentra il talento dell’artista). A dispetto delle credenze dei profani, le sculture sono molto resistenti: possono infatti restare intatte molti mesi, anche all’aperto, perché solo le piogge molto intense riescono a danneggiarle.

La mostra si tiene in estate, da giugno a settembre, e dal 2001 possiede un tema: l’Antico Egitto, la Divina Commedia e il Rinascimento Italiano sono solo alcuni di quelli che si sono alternati nel corso degli anni. Ma un altro ottimo momento per vedere dei veri i capolavori di rena è il Natale: ogni anno, infatti, in Piazza Marconi viene esposto il Presepe di sabbia (Sand Nativity), in cui le sculture sono comprensibilmente ispirate alla natività. L’edizione 2017 ha fatto registrare oltre 114.000 presenze, un record; fate un salto a Jesolo Lido, il prossimo Natale, per scoprire perché questo evento incredibile se le merita davvero tutte, dalla prima all’ultima.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>