Tra le 100 aziende più importanti del settore lusso 26 sono italiane

di AnnaMaria Commenta

Il settore luxury va alla grande, soprattutto in Italia dove aziende come Luxottica, Prada e Armani fatturano cifre da record e altre come Marcolin e Valentino crescono a ritmi esponenziali. Nell’ultimo anno fiscale le 100 migliori aziende al mondo del settore lusso hanno fatturato una cifra come 212 miliardi di dollari totali, per una media di 2,1 miliardi di ricavi ciascuna distribuiti in un intervallo che va da 180 milioni di dollari per Wolford, fino alle cifre guadagnate dalla prima azienda in classifica: il colosso francese LVHM che porta a casa 22,4 miliardi.

> IL LUSSO CHE NON CONOSCE CRISI: RISULTATI IN SALITA PER IL COLOSSO LVHM

I dati provengono da un recente report di Deloitte che ci dà anche ottime notizie per il settore lusso dell’Italia. Il nostro Paese infatti è il primo al mondo per numero di aziende di lusso presenti nella classifica delle top 100, ben 26 solo italiane, che hanno un fatturato aggregato di 1,3 miliardi di dollari (pari al 16% del totale) e una crescita delle vendite pari al 9,3%, la terza più alta tra quelle registrate.

> I GIOVANI ITALIANI FANNO SHPPING DI LUSSO IN AEROPORTO

Tre le aziende che, da veri colossi, trainano il settore lusso in Italia: Luxottica che si posiziona al quarto posto nella classifica mondiale con 9,8 miliardi di ricavi, Prada che si piazza al diciassettesimo posto con 3,9 miliardi e Giorgio Armani che troviamo in ventunesima posizione con 2,9 miliardi di fatturato e una crescita del 4,6%.

I tre brand, fortissimi anche singolarmente, sicuramente brillano di luce riflessa in un mondo nel quale, come sottolinea anche il report, il made in Italy e la moda italiana sono considerati universalmente garanzia di qualità, talento e tradizione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>