La Ferrari posseduta da Trump venduta per 270 mila dollari

di AnnaMaria Commenta

Un collezionista di auto si è aggiudicato una speciale automobile. Si tratta della Ferrari F430 F1 Coupe poseduta da Donald Trump, che l’aveva acquistata nel 2007. Il tycoon l’ha utilizzata solo per quattro anni, percorrendoci solo 3.840 chilometri: praticamente un’auto nuova.

Poi l’automobile era stata venduta da Trump ad un’altro proprietario nel 2011, e questa volta il contachilometri era salito fino a a quota 9.600 km. Il prezzo della straordinaria fuoriserie – sogno di qualunque appassionato di auto – oscillava tra i 250.000 e i 350.000 dollari.

> PININ FARINA PRESENTA LA NUOVA FERRARI DA 400.000 EURO

La casa d’aste Auctions America ha pubblicizzato la vendita definendo la Ferrari come “l’unica super-auto mai posseduta da un presidente americano”. Ed in effetti Trump non aveva badato a spese e addirittura aveva fatto targare la Ferrari con la sigla “DJT” (come le iniziali del presidente). L’acquirente che si è stata aggiudicato l’auto ha sborsato un assegno di 270 mila dollari e ha voluto mantenere l’anonimato.

> MARIAH CAREY REGALA AL MARITO NICK CANNON UNA FERRARI

Si tratta di un prezz assolutamente fuori mercato se consideriamo che generalmente una Ferrari F430 comprata da un altro proprietario (quindi di seconda mano) può avere un prezzo che si aggira tra 125 mila e i 175 mila dollari, mentre questa è stata venduta al prezzo record di 270 mila solo per il fatto di essere appartenuta all’attuale presidente degli Stati Uniti d’America. Insomma il tycoon continua ad essere un nome importante nel mondo degli affari e adesso che è pure diventato i presidente americano, le cose che gli sono appartenute valgono ancora di più.
E non è la prima volta che succede un fatto simile: a gennaio infatti era stata venduta una bottiglia di whisky appartenuta a Trump, a più del doppio del prezzo stimato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>